Il ministro dell’Ambiente Galletti e il ministro dei Beni culturali Franceschini hanno firmato il decreto per l’istituzione dell’Ente geopaleontologico di Pietraroja. L’ente è stato istituito in attuazione della legge 388/2000 – la legge finanziaria 2001 – e avrà sede presso il comune di Pietraroja. Finalità dell’ente è la conservazione e valorizzazione del patrimonio geologico, paleontologico, naturalistico e paesaggistico e di sviluppo socio-economico in termini ecosostenibili di siti di rilevante valenza di testimonianza di ricerca scientifica.

In particolare, i siti individuati sono il Passo di S. Crocella, Monte Chiaroscuso, Fontana Petrosa, Pesco Rosito, Fonte Lagno di Ferro, Monte Tre Confini, Monte Mutria, il Palombaro, l’abitato di Pietratoja, Civita di Pietraroja, lato su e lato nord, Le Cavere, Valle Canale, Mastroamici, Monte Cepponeta, Monte La Defenza. L’ubicazione dei siti è riportata nella cartografia ufficiale allegata al decreto e depositata in originale presso il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio del mare e il Ministero per i beni e le attività culturali ed in copia conforme presso la regione Campania e il consorzio che gestirà l’Ente.

GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELL’ENTE

Sarà un Consorzio a gestire l’Ente nel perseguimento delle proprie finalità e al fine di assicurare l’esercizio coordinato e coerente delle competenze ed azioni di spettanza dei soggetti che vi partecipano. Esso sarà costituito dal Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, dalla Regione Campania, dalla Provincia di Benevento, dal Comune di Pietraroja, dall’Università del Sannio, dall’Università «Federico II» di Napoli e dalle associazioni locali e ambientali interessate. Organi del Consorzio sono il Presidente, scelto tra persone di comprovata capacità professionale, il Consiglio di Amministrazione, l’Assemblea dei consorziati, cui è affidato il governo dell’Ente, e il Collegio dei Revisori.

Fino al momento in cui non si provvederà alla nomina dei componenti degli organi previsti dal decreto e comunque per un periodo non superiore a dodici mesi, si costituisce un Comitato di gestione provvisoria, composto dal Presidente, nominato dal Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, e da sette componenti, nominati con decreto dello stesso Ministro. Il Comitato provvisorio esercita tutti i poteri di indirizzo, controllo e gestione necessari per il funzionamento dell’Ente.
Al momento di entrata a regime del funzionamento dell’Ente, il Consorzio promuoverà, curerà, coordinerà e parteciperà alle attività di protezione e conservazione degli habitat, del paesaggio culturale e dei valori antropici e di conservazione e valorizzazione in strutture museali del patrimonio geologico, paleontologico, documentale, librario e fotografico di interesse conoscitivo del geosito. Inoltre, esso favorirà e svilupperà attività educative, di formazione e di ricerca, promuovendo un turismo di carattere culturale ed ambientale.

Per il raggiungimento delle finalità elencate, il Consorzio potrà stipulare convenzioni o accordi amministrativi e partecipare o costituire consorzi o società con soggetti pubblici o privati, in particolare con il Parco regionale del Matese.

STATUTO DELL’ENTE

Lo Statuto del Consorzio sarà, insieme ai Regolamenti di amministrazione e di contabilità, adottato dall’Assemblea dei consorziati entro sessanta giorni dalla sua nomina e trasmesso ai Ministeri competenti dell’istituzione dell’Ente. Lo Statuto disciplinerà l’organizzazione e il funzionamento del Consorzio di gestione stabilendo le modalità di nomina, di composizione e rinnovo degli organi consortili, le competenze attribuite ai singoli organi del consorzio, oltre che i casi di scioglimento degli organi consortili e dei commissariamento dei medesimi, e le modalità di partecipazione popolare e le forme di pubblicità degli atti.

ENTRATE DEL CONSORZIO

Faranno parte delle entrate del Consorzio i contributi ordinari e straordinari dell’UE, di enti e organismi internazionali, dello Stato, della Regione Campania, della provincia di Benevento, del comune di Pietraroja e di altri enti pubblici statali e locali. Inoltre, costituiranno entrare del Consorzio lasciti, donazioni, erogazioni liberali, proventi dei diritti di ingresso e di privativa, attività commerciali e promozionali e altre entrate derivanti dai servizi resi.

 

Decreto di istituzione dell’Ente: https://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaDettaglioAtto/originario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2018-01-29&atto.codiceRedazionale=18A00503&elenco30giorni=true

Articoli correlati