Premi nazionali traduzioneIl salone Vanvitelliano della Biblioteca Angelica  ha accolto la premiazione nazionale per la traduzione, giunta alla sua trentesima edizione. “Ci inorgoglisce che per il Premio per la traduzione sia stata scelta una sede stabile. Questo luogo parla da sè. I padri fondatori di questa biblioteca hanno contraddistinto la loro passione per i libri e la ricerca proprio indirizzando buona parte della loro attività verso le culture e le lingue straniere”, ha detto la direttrice della Biblioteca Fiammetta Terlizzi. “Questa vocazione verso altre culture rende ancora più significativa la scelta dell’Angelica come sede del premio”.

“Una location fantastica”, l’ha definita la neo direttrice della Direzione generale del Mibact Biblioteche e istituti culturali Paola Passarelli che ha ringraziato Terlizzi “che con tanta passione e dedizione cura questo luogo”. I premi nazionali, ha detto Passarelli introducendo l’evento, si inseriscono “tra i programmi del Ministero. Anche per l’edizione 2017 sono stati attribuiti premi che favoriscono scambi interculturali tra paesi diversi abbattendo ostacoli, spesso generati proprio dalla differenza linguistica”. Non possiamo rinunciare, ha aggiunto la direttrice alla sua ‘seconda uscita ufficiale’, “alla ricchezza della scrittura e della lettura. Leggere non è solo una ricchezza privata, è un bene comune e un antidoto all’appiattimento”.

I PREMI

Con il Premio nazionale per la traduzione si premia il lavoro del traduttore, “intermediario culturale che cerca il modo più corretto per veicolare un testo originale alla lingua di destinazione mantenendone inalterato il contenuto, sia esso prosa o poesia”. I premi sono così attribuiti:

Quattro Premi maggiori del valore di circa € 10.000,00 ciascuno attribuiti a:

Michael Rössner (Germania), uno dei massimi studiosi di Pirandello fuori dall’Italia; ha il merito di restituire in tedesco il romanzo pirandelliano in tutta la gamma delle sue trovate linguistiche, nel costante rispetto della lettera e dei contenuti dell’originale.

Paola Décina Lombardi, per aver tradotto dal francese opere di Rétif de la Bretonne, di Balzac, di Georges Rodenbach, di Cocteau, di René Crevel, Julien Gracq, Colette e Michel Tournier e per la sua elevata attività di promozione della cultura francese in Italia.

Editorial Pre-Textos (Spagna), casa editrice pregevole non solo per il progetto editoriale, ma anche per la cura delle edizioni e per il sostegno ai giovani talenti.

Interlinea Edizioni, casa editrice specializzata in edizioni di saggistica, poesia e letteratura per l’infanzia pubblicando oltre mille titoli suddivisi in venti collane.

Quattro Premi speciali del valore di circa € 7000,00 ciascuno attribuiti a:

Valerio Nardoni, per aver tradotto due autori apicali della letteratura spagnola, Miguel de Cervantes e Pedro Salinas, rappresentativi dei suoi movimenti più floridi, il barocco e le avanguardie primonovecentesche.

Nicola Verderame, per aver tradotto dal turco all’italiano le poesie di Tuğrul Tanyol restituendone il potente messaggio lirico.

Neva Micheva (Bulgaria), traduttrice dall’italiano al bulgaro si dedica con successo alla diffusione della letteratura italiana in Bulgaria e svolge un eccellente servizio di mediatrice culturale fra i due Paesi proponendo al lettore bulgaro le sue impeccabili versioni delle opere di Calvino, Tabucchi, Ammanniti, Buzzati, Rovelli.

Casa Editrice GRAN VIA, presenta con chiari intenti culturali testi ben tradotti da un ampio ventaglio di lingue, dimostrando vitalità e coraggio nell’attuale situazione editoriale.

Conferiti inoltre due Premi Straordinari alla Carriera del valore di circa € 10.000,00 ciascuno, istituiti con D.M. del 20 luglio 2017, attribuiti a:

Carlo Saccone, traduttore dall’italiano al persiano.

Ornella Discacciati, traduttrice dall’italiano al russo.

One Comment

  1. Pingback: Mibac, ricostituita la Commissione per i “Premi nazionali per la Traduzione” 2018 – Notizie

Rispondi