fumetti mibact 3Il racconto dei musei italiani passa attraverso il fumetto: nasce così la collana Fumetti nei musei e a darle vita sono i più celebri fumettisti italiani. Le 22 graphic novel d’autore del progetto saranno destinate ai servizi educativi museali e a una mostra all’Istituto Centrale per la Grafica.

Fumetti nei musei è un progetto ideato e curato dall’Ufficio Stampa e Comunicazione del Mibact e realizzato in collaborazione con Coconino Press – Fandango e il supporto di Ales Spa, il Centro per i Servizi educativi e la Direzione Generale Musei del Mibact.

Maria Antonella Fusco, direttrice dell’Istituto, rimarca l’importante valore educativo del progetto e sottolinea come “noi, nel racconto grafico, ci siamo nati con un patrimonio di 23 mila disegni, 25 mila matrici incise tra legni, rami, zinchi, che quotidianamente “sforniamo” ma soprattutto 150 mila stampe dal Cinquecento ai giorni nostri”. Si tratta di un patrimonio iconografico importante che, sommato a quello offerto dai musei statali, “varrebbe un convegno”, da organizzare coinvolgendo i direttori dei musei.

Fumetti nei musei nasce, infatti, grazie al dialogo di diversi soggetti. A dar vita alla collana è proprio l’incontro dei direttori dei musei italiani e alcuni tra i fumettisti più celebri del panorama nazionale. Attraverso storie di fantasia, i fumettisti hanno raccontato le collezioni del patrimonio museale italiano, prendendo spunto da elementi storici e artistici veri. Ognuno dei 22 musei metterà a disposizione dei servizi educativi il proprio fumetto gratuitamente per diffondere la conoscenza del proprio patrimonio e favorirne la fruizione.

A sottolineare l’unicità del progetto è anche Ratigher, curatore editoriale di Fumetti nei musei. Esso infatti “non ha eguali; quello che si è riusciti a creare è un progetto unico per il suo essere così vasto e per aver coinvolto un gran numero di musei. I fumettisti che hanno partecipato hanno dato il loro meglio e si è deciso di scegliere i migliori, di diverse età e stili” al fine di raccogliere l’eterogeneità dei musei raccontati.

FUMETTI NEI MUSEI IN MOSTRA

Dal 21 febbraio al 1 aprile 2018, le 22 graphic novel saranno in mostra presso l’Istituto Centrale di Grafica. In particolare, saranno esposte tutte le immagini delle copertine degli albi, una selezione delle tavole a fumetti, gli schizzi e i bozzetti originali degli artisti. Al termine della mostra, tutte le stampe originali esposte entreranno a far parte del patrimonio dell’Istituto. In questo modo, si costituirà il primo importante nucleo di opere legato all’arte del fumetto.

Rispondi