Si è conclusa oggi, a Ivrea, la prima tappa degli Stati generali del turismo per il Piemonte. Un focus sui territori di Canavese, Valli di Lanzo e Chivassese che ha visto confrontarsi 120 tra operatori ed enti del territorio su tre temi principali: outdoor, turismo slow e piccoli comuni. Un percorso partecipato, quindi, per coinvolgere attori pubblici e privati dei territori con l’obiettivo di delineare lo stato dell’arte del turismo in Piemonte e di mettere a punto un Piano strategico regionale del turismo. Gli elementi emersi dal confronto tra gli operatori spaziano dalla governance, all’organizzazione, alla comunicazione.

Tra le principali azioni auspicate dai partecipanti: la creazione di reti di conoscenza e collaborazione che permettano di meglio coordinare l’offerta turistica, con la richiesta che la Regione si faccia promotrice di percorsi di cooperazione; la definizione di una governance chiara e di una regia tra enti, per facilitare agli operatori l’individuazione dei referenti territoriali; l’implementazione della formazione per gli operatori; la definizione di un coordinamento per la comunicazione del territorio, stabilendo degli standard in particolare per la comunicazione digitale; lo sviluppo in particolare dell’offerta turistica slow all’insegna della qualità e dell’autenticità.

Il modello utilizzato nei tavoli di lavoro – noto con il nome di “Business Model Canvas” e in uso anche in altri ambiti imprenditoriali – ha permesso di individuare e discutere modelli di business innovativi utili alla crescita e allo sviluppo del turismo. Questo progetto, come sottolinea l’Assessora alla Cultura e al Turismo della Regione Piemonte, dopo il piano strategico nazionale delineato dal Ministero vuole dare forma a una visione per la nostra regione che guardi a dieci anni, nonchè valorizzare un settore, quello turistico, che ha accresciuto sempre più il suo peso sul Pil piemontese e che è l’ambasciatore di tanti altri comparti: enogastronomia, artigianato, cultura, paesaggio.

In questo contesto Canavese, Chivassese e Valli di Lanzo possono ancora crescere molto e sviluppare un prodotto turistico all’insegna dell’outdoor e delle tipicità del territorio. L’appuntamento di Ivrea è stato il primo di una serie di otto iniziative che coinvolgeranno tutti i territori regionali: ulteriori due date saranno dedicate a focus tematici, cinque allo stato dell’arte del turismo in Piemonte, con e per i rappresentanti dei sistemi turistici locali.

Nell’autunno è previsto un incontro finale per la presentazione del Piano strategico. Gli Stati generali del turismo sono un progetto dell’Assessorato alla cultura e al turismo della Regione Piemonte, realizzato da DMO Piemonte Marketing in partnership con BTO Educational e in collaborazione con: CNA, Confindustria, Confcommercio, Confartigianato, Confesercenti, Uncem e Unioncamere. Tutte le informazioni e gli aggiornamenti saranno disponibili a partire dai prossimi giorni sul sito: www.piemonte-turismo.it In allegato anche alcuni dati di inquadramento presentati nel corso degli incontri.

Rispondi