cinema riprese

Nuove disposizioni nel settore cinema e audiovisivo. Definite, in particolare, le attività delle Film Commission e indirizzi e parametri nella gestione dei fondi di sostegno al settore audiovisivo per Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano.

Questo il contenuto del decreto del ministro Franceschini che attua le disposizioni della Legge Cinema (L. 220/2016) nelle materie indicate. Il decreto è stato adottato a seguito dell’intesa raggiunta in Conferenza Stato-Regioni lo scorso 11 gennaio 2018. Nel corso di vari incontri tecnici, le Regioni avevano presentato osservazioni ed emendamenti, in particolare riguardo le disposizioni sulle Film Commission. Il Coordinamento tecnico della Commissione beni e attività culturali, attiva presso il Mibact, aveva poi messo in moto il meccanismo di revisione del testo favorendo il raggiungimento dell’intesa con Regioni e Province autonome.

FILM COMMISSION

La legge Cinema stabilisce che per “Film Commission” si intende l’istituzione, riconosciuta da ciascuna Regione o Provincia Autonoma, che persegue finalità di interesse pubblico nel settore cinema e audiovisivo. Essa fornisce supporto e assistenza alle produzioni cinematografiche e audiovisive nazionali e internazionali e, a titolo gratuito, alle amministrazioni che hanno competenza nel settore nel territorio di riferimento. Tra le attività con finalità di  interesse pubblico, si segnalano il sostegno allo sviluppo dell’industria cinematografica e audiovisiva, l’assistenza amministrativa e logistica alle imprese audiovisive e il supporto alla realizzazione e il potenziamento di iniziative nel territorio regionale. Particolare attenzione deve, inoltre, essere riservata alla promozione e valorizzazione dell’identità culturale e linguistica attraverso il cinema e l’audiovisivo. Tutte queste attività sono di interesse pubblico se rafforzano l’attrattività territoriale e si svolgono in collaborazione con Regioni e Province autonome.

Presso la DG Cinema del Mibact, è istituito il Coordinamento nazionale delle Film Commission con il compito di armonizzare e rendere più efficaci gli interventi statali e regionali a favore del settore cinematografico e audiovisivo. Tale compito è svolto con attività di analisi, comparazione e proposta. Il Coordinamento monitora l’esito delle politiche territoriali e propone azioni coordinate di promozione della produzione italiana all’estero. A stabilire le modalità di organizzazione e funzionamento del Coordinamento, è il Coordinamento stesso. Ad esso partecipano il Direttore generale Cinema o un suo delegato, un rappresentante delle Film Commission per ciascuna Regione e Provincia autonoma e un rappresentante di ciascun ente locale che finanzi almeno una Film Commission. Nel caso in cui una Regione o Provincia autonoma riconosca e sostenga più di una Film Commission si designa un unico rappresentante.

FONDI DI SOSTEGNO AL SETTORE AUDIOVISIVO

Ai sensi della Legge Cinema, a Regioni e Province autonome è affidata la gestione di fondi di sostegno economico al settore audiovisivo. Tali fondi, stanziati dagli stessi enti locali, possono essere anche di derivazione europea.

Nella gestione, Regioni e Province autonome devono attenersi agli indirizzi e i parametri dettati dal decreto ministeriale. Le risorse devono, innanzitutto, essere destinate per le finalità operative delle Film Commission e di valorizzazione e promozione del patrimonio artistico del cinema. In tal senso, devono quindi essere adottate misure coerenti con l’impianto di sostegno che viene delineato dalla Legge Cinema, attraverso contributi e benefici previsti. Nel rispetto della normativa europea, particolare attenzione deve essere riservata ai limiti di intensità d’aiuto, oggetto di risoluzioni e regolamenti della Commissione europea. I bandi per l’assegnazione delle risorse devono rispettare i principi di pubblicità, trasparenza e certezza nei tempi di erogazione. Devono essere previsti adeguati sistemi di monitoraggio e controllo dell’utilizzo di queste risorse e nelle procedure di restituzione e sanzione. Tutte le procedure, dalla selezione alla rendicontazione, devono essere inoltre semplificate e razionalizzate.

Approfondimenti:

Testo del decreto ministeriale: Disposizioni in materia di Film Commission e indirizzi e parametri per la gestione dei fondi di sostegno all’audiovisivo a Regioni e Province autonome

Testo dell’Intesa: Intesa Stato-Regioni 11 gennaio 2018

Rispondi