Valle dei dinosauri Altamura“Un importante passo avanti per la Valle dei Dinosauri di Altamura, giacimento paleontologico di importanza mondiale. Sulla Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana è stato pubblicato il bando di gara del Segretariato MIBACT Puglia per gli interventi di protezione e conservazione delle impronte di dinosauro e della paleosuperficie della cava Pontrelli. Grazie a questi studi ed ai lavori previsti si metteranno in sicurezza le impronte e si aprirà finalmente la strada alla valorizzazione ed alla fruizione turistica di un grande patrimonio”. Lo rende noto Liliana Ventricelli, deputata del Partito Democratico, che ha seguito passo dopo passo l’iter di questo progetto. “Questi interventi – spiega la deputata di Altamura – sono possibili grazie agli stanziamenti che il Governo ha dedicato alla cultura. Il piano di protezione della Valle dei dinosauri, infatti, è finanziato con 1 milione di euro assegnato nel Piano triennale del patrimonio varato due anni fa dal Ministero dei beni culturali (Mibact). Si arriva al bando di gara, per un importo di 773.463 euro, al termine di una progettazione redatta dalla Soprintendenza Archeologia che ha considerato una serie di studi che porteranno alla classificazione delle orme, all’esame delle soluzioni più idonee per la protezione delle orme dagli agenti atmosferici per arrivare infine alla possibilità di una prima fruizione immediata delle piste più rappresentative di orme. Questo – aggiunge Liliana Ventricelli – è un obiettivo che deve rappresentare un traguardo fondamentale perché il termine dei lavori coincide con il 2019, anno di Matera capitale europea della cultura.

“Tale data – auspica Ventricelli – rappresenta un orizzonte di lavoro per tutti gli enti coinvolti in questo progetto nonché per l’intero territorio dell’entroterra barese e del Parco nazionale dell’Alta Murgia. Tutti i Comuni devono operare per mettere in rete i patrimoni archeologici e culturali che sono presenti in ciascuna città e presentarsi con le carte in regola all’appuntamento di Matera2019 in cui soltanto l’unità di intenti permetterà di fare la differenza”. Da segnalare, infine, che il sito paleontologico di Altamura ha ricevuto un ulteriore stanziamento, pari ad 1,5 milioni di euro, nel piano 2018-2020 per il patrimonio culturale italiano appena varato dal Mibact.

Rispondi