Fondazione Torino MuseiÈ stato firmato questa mattina presso l’assessorato al lavoro della Regione Piemonte, alla presenza della Città di Torino, della Regione Piemonte, dei vertici della Fondazione Torino Musei e delle organizzazioni sindacali, l’accordo tra le parti che risolve la procedura di licenziamento collettivo aperta dalla Fondazione lo scorso 15 dicembre. Soddisfazione è stata espressa dalle assessore alla cultura della Regione Piemonte e della Città di Torino per l’intesa raggiunta, che permetterà di salvaguardare tutti i posti di lavoro, impegno prioritario per le due istituzioni, nonché di ridare slancio all’attività della Fondazione. Nel corso delle ultime settimane era stato definito un percorso che permetterà di salvaguardare tutti i posti di lavoro, attraverso l’assorbimento da parte della Città del personale ex comunale, al maggiore impegno finanziario della Regione e a un piano di riorganizzazione delle attività della Fondazione. Il Comune dovrebbe farsi carico di 7 dei 28 lavoratori per i quali era stata avviata la procedura di licenziamento. Di questi, 4 sono ex dipendenti comunali che saranno riassorbiti in municipio. Gli altri 3 sono i lavoratori della Fondazione in distacco al Museo della Resistenza.

Prosegue intanto il percorso, condiviso tra la Città e la Regione e con gli altri soci, che porterà la Fondazione a diventare Fondazione Torino Piemonte Musei: in tale ente, a fianco dei tre musei della Città di Torino si aggiungerà, attraverso un percorso condiviso, il Museo Regionale di Scienze Naturali. Verrà inoltre costituito un ufficio dedicato alle attività di coordinamento e supporto al sistema museale regionale

Rispondi