paesaggio toscanaConsolidare la reputazione della Toscana, “penetrare” sui mercati internazionali, puntare su innovazione e tecnologie. Sono i 3 pilastri della strategia di “Toscana Promozione Turistica”, contenuti nel documento sul bilancio preventivo 2018, deliberato dalla Giunta Regionale il 19 febbraio e ora all’esame della Seconda Commissione del Consiglio regionale per un parere.

IL BILANCIO

Il bilancio relativo all’anno in corso si aggira sui 10 milioni di euro (10.388.559 euro), frutto di contributi regionali e ricavi propri dell’agenzia, con “valore della produzione” e “costo della produzione” in pareggio. Un milione e mezzo sono assorbiti dalle spese per il funzionamento dell’agenzia e per il personale, mentre oltre l’84% dell’ammontare complessivo dei fondi è destinato ad “Acquisti di servizi per piano promozionale”, vale a dire l’attività di promozione vera e propria.

DESTINAZIONE TOSCANA 2020

Nel testo viene richiamato il documento “Destinazione Toscana 2020”, definito attraverso “un percorso di democrazia partecipata realizzato con tutti i portatori di interesse che lavorano per il turismo, che individua le linee guida, i principi ispiratori della strategia regionale per il turismo dei prossimi anni”. Per questo gli obiettivi specifici e le azioni di intervento “che supporteranno la promozione turistica sono pertanto rispondenti alla visione e alle leve strategiche individuate in Destinazione Toscana 2020”:
– Nuove regole per nuove strategie (l’organizzazione turistica regionale);
– Conoscere per programmare (dalla motivazione del viaggiatore all’offerta della destinazione);
– Accoglienza come segno distintivo;
– Comunicare le identità;
– Cura dei contenuti;
– Ecosistemi digitali.

LINEE DI INTERVENTO

Le linee di intervento del piano di promozione turistica sono 4:

I) Eventi mirati: Eventi per l’incontro di domanda e offerta realizzati sul territorio toscano con l’obiettivo di migliorare l’offerta degli operatori toscani attivando la profilazione mirata alle esigenze della domanda internazionale. Eventi per la valorizzazione e la diffusione del turismo digitale con l’obiettivo di rafforzare la conoscenza dell’offerta turistica toscana con particolare riferimento alle eccellenze innovative;

II) Sviluppo e Promozione dell’offerta: prodotti. Promozione dei prodotti consolidati ed emergenti (in crescita) con l’obiettivo di rafforzare la loro presenza sui mercati target rispondenti alle motivazioni di viaggio. Progettazione e sviluppo di prodotti esperienziali ed innovativi con l’obiettivo di aumentare la competitività delle destinazioni;

III) Sviluppo e promozione dell’offerta: mercati. Presidio mercato nazionale con l’obiettivo di posizionare sul mercato interno nuovi segmenti d’offerta riferiti a specifici tematismi. Presidio mercati consolidati con l’obiettivo di rafforzare la conoscenza sui mercati tradizionali. Sviluppo “Nuove Rotte”: sviluppo mercati emergenti con l’obiettivo di rafforzare il posizionamento dell’offerta su mercati non consolidati;

IV) Attuazione strategie regionali di sviluppo territoriale: Azioni di sviluppo e presidio dei prodotti turistici territoriali con il duplice obiettivo di sviluppare processi partecipativi finalizzati a definire metodologie di lavoro condivise, ed individuare azioni e strumenti comuni per la promozione dei territori e il rafforzamento strategico–competitivo dell’offerta territoriale. Promozione dell’immagine e dei brand territoriali con l’obiettivo di aumentare la visibilità dei sistema di offerta toscana, in particolar modo delle destinazioni meno conosciute. Valorizzazione delle autenticità con l’obiettivo di agevolare processi che favoriscano una originale esperienza turistica attraverso l’integrazione con i sistemi produttivi d’eccellenza toscana.

Rispondi