La forte attenzione al tema della parità di genere e la riflessione sull’identità femminile che permeano lo show business statunitense e il dibattito politico negli USA paiono aver ispirato la selezione, curata da Frédéric Boyer, della 17. edizione del Tribeca Film Festival, la manifestazione fondata nel 2002 da Robert De Niro e Jane Rosenthal che si terrà quest’anno dal 18 al 29 aprile.

Sono infatti due i titoli selezionati nella sezione Spotlight diretti da donne e che raccontano storie di donne: Figlia Mia di Laura Bispuri, fresca di Concorso a Berlino e ora nelle sale, che torna a Tribeca dopo il Premio per la Sceneggiatura vinto nel 2015 con ‘Vergine giurata’, e Nico, 1988 di Susanna Nicchiarelli, vincitore a Venezia del Premio Orizzonti.

In Concorso Documentari, l’opera più apertamente politica, in cui il conflitto israeliano-palestinese si intreccia all’inseguimento delle tracce di un artista misterioso e provocatorio: The Man Who Stole Banksy di Marco Proserpio, presentato in anteprima mondiale.

Il documentario è venduto nel mondo da Elle Driver, mentre Figlia mia da The Match Factory e Nico, 1988 ha già un importante distributore americano, Magnolia Pictures.

La presenza dei titoli e delle delegazioni dei film italiani al Tribeca Film Festival è coordinata da Istituto Luce Cinecittà-Filmitalia.

ARTICOLI CORRELATI:

Cinema, Istituto Luce-Cinecittà: due riconoscimenti ai Nastri d’Argento per il Documentario

Rispondi