È online il bando per l’edizione 2018 dei RegioStars Awards, i premi dell’Unione europea dedicati ai progetti innovativi di sviluppo regionale. In occasione dell’Anno europeo del patrimonio culturale, una delle cinque categorie del premio è “Investire nei beni culturali”, con l’obiettivo di porre l’attenzione sulle buone pratiche e sui progetti innovativi nel campo dei beni culturali. Le domande possono essere presentate entro il 15 aprile. Tutti i finalisti saranno invitati alla cerimonia di premiazione che si terrà a Bruxelles e riceveranno un certificato e una medaglia. Saranno inoltre inclusi in un opuscolo, pubblicato dalla Commissione europea, e nella banca dati online delle best practice sul sito Inforegio.

A un vincitore per categoria, invece, sarà consegnato un trofeo RegioStars e un certificato dal Commissario europeo per la Politica regionale, Corina Cretu, e dal presidente della giuria dei premi. Per ogni vincitore sarà realizzato un breve video che sarà proiettato durante la cerimonia di consegna dei premi e pubblicato online, seguito da una campagna promozionale.

“INVESTIRE NEI BENI CULTURALI”

Partendo dalla convinzione che il patrimonio culturale, il turismo e le industrie culturali e creative sono una parte importante non solo della storia ma anche dell’economia europea, la categoria “Investire nei beni culturali” del premio ha l’obiettivo di identificare approcci regionali innovativi che promuovano e sviluppino il patrimonio culturale. Il bando premierà i progetti che assicurano la conservazione del patrimonio culturale, che contribuiscono al suo sviluppo intelligente e sostenibile, che forniscono infrastrutture e servizi culturali, che promuovono l’industria culturale e creativa, che rendono attraente la cultura e che la utilizzano per unire le comunità e integrare le minoranze.

L’attenzione di quest’anno al patrimonio culturale europeo è un’occasione per dare visibilità ai progetti di politica di coesione che valorizzano con successo il patrimonio culturale, che favoriscono la creazione di posti di lavoro, crescita e competitività delle industrie culturali e creative. E ancora: saranno presi in considerazione i progetti che utilizzano soluzioni digitali innovative, come la realtà virtuale, per rendere la cultura più attraente – in particolare per i giovani – o più accessibile per i cittadini disabili; progetti che sviluppano soluzioni innovative per preservare il patrimonio o che riescono a rivitalizzare le aree urbane e renderle attraenti.

REGIOSTARS AWARDS

I premi rappresentano un ambito riconoscimento per le Regioni dell’Unione europea, perché permettono di dare visibilità e condividere buone pratiche che hanno avuto un impatto positivo sul territorio e che possono essere fonte di ispirazione per altre Regioni europee. L’iniziativa, organizzata dalla DG Politica regionale e urbana della Commissione europea, ha l’obiettivo di individuare le buone pratiche di sviluppo regionale scaturite da progetti innovativi finanziati dai fondi della politica di coesione. Possono concorrere per i premi progetti che sono stati cofinanziati, dopo il 1° gennaio 2008, dal Fondo europeo di Sviluppo Regionale (FESR), dal Fondo Sociale europeo (FSE), dal Fondo di Coesione o dallo Strumento di preadesione (IPA). Ammissibili anche progetti finanziati congiuntamente da più strumenti (FESR o Fondo di Coesione con altri Fondi strutturali o con fondi a gestione diretta).

Per approfondimenti:

Il bando RegioStars Awards 2018

Rispondi