Paesaggio emilia romagnaVisite guidate, incontri, convegni e proposte. L’Emilia Romagna celebra la Giornata nazionale del paesaggio del 14 marzo e lo fa attraverso la sua rete “culturale” sul territorio, dai Poli Museali alle Soprintendenze.

BOLOGNA

A Bologna la Pinacoteca organizza due visite guidate, in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti. Il percorso si sviluppa tra le opere della Pinacoteca sul tema del paesaggio, con uno sguardo ai capolavori di Francesco Francia, Guido Reni, Domenichino, Donato Creti e altri ancora. A disposizione anche un eBook, a cura degli studenti del corso di Multimedialità per i Beni culturali.

Alla Soprintendenza giornata d’incontro e confronto tra progettisti e funzionari sul tema della peculiarità e qualità del progetto architettonico in ambito di tutela paesaggistica. L’iniziativa è a cura della Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara.

FERRARA

Al Museo archeologico nazionale di Ferrara (Palazzo Costabili) in programma “Paesaggi Ferraresi e iconografia botanica: le ‘Passeggiate’ nell’arte e negli scritti di Filippo De Pisis. Lo storico dell’arte Lucio Scardino intratterrà i partecipanti sui paesaggi ferraresi dipinti da Filippo de Pisis suggestionato dagli ambienti rurali della sua città, mentre traeva spunto dalle sue prose liriche e si dedicava alle ricerche botaniche. Paola Roncarati, vice Presidente del Garden Club Ferrara, si soffermerà su alcune segnalazioni depisisiane, tratte dal volumetto “Fiori e frutti nella pittura ferrarese” (di cui il Garden Club ha curato il restauro).

FORLI’

All’Archivio di Stato prevista una visita guidata tematica, dedicata alle trasformazioni del territorio forlivese legate alle politiche agrarie del regime fascista durante il Ventennio. “Un paesaggio buono come il pane. Il paesaggio agricolo forlivese nel Ventennio tra bonifiche e battaglia del grano nei documenti d’archivio” è il titolo dell’evento, i cui protagonisti saranno la battaglia del grano, il piano di bonifica integrale, con il quale lo Stato si impegnava a finanziare le opere di trasformazione agraria e idraulica del territorio italiano, la festa della celebrazione del pane. I temi saranno raccontati attraverso l’esposizione di materiali archivistici, accompagnati da una proiezione di slide illustrative.

MODENA

Alla Galleria Estense visita guidata sul tema “L’arte racconta il paesaggio”, con particolare attenzione ad un’opera di Giovanni Andrea Donducci, detto Mastelletta (Bologna, 1575 – 1655), “Il ritrovamento di Mosè sul Nilo”, del 1618. Il dipinto rappresenta il momento in cui la figlia del faraone, raffigurata con una veste bianca ed oro e avvolta da un manto giallo, arrivando sulle sponde del fiume Nilo scorge, fra i giunchi, una cesta di vimini con un neonato al suo interno. Le sei ancelle rivolgono l’attenzione verso l’infante ritrovato, alcune di loro si accingono a soccorrerlo. La sorella di Mosè sembra stia colloquiando con l’ancella a lei più vicina. “Caratteristico – spiegano nella presentazione della visita guidata – è il paesaggio nilotico radicalmente trasfigurato nei moduli della pittura emiliana: da Nicolò dell’Abate, a Dosso e Battista Dossi, fino alla fine del Cinquecento e oltre, lontane architetture fantastiche ambientate tra fitti boschetti e corsi d’acqua fanno spesso da sfondo a scene di storia sacra e profana”.

PARMA

Alla Scuola San Benedetto di Parma si terrà “La tutela del paesaggio: conoscenza, consapevolezza, progetto”, incontro organizzato dalla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Parma e Piacenza, in collaborazione con la scuola secondaria di I grado San Benedetto di Parma. L’incontro, a cura dell’architetto Marisa Pattacini, verterà sull’importanza della conoscenza del paesaggio per i progetti di sostenibilità ambientale.

PIACENZA

All’Auditorium “Santa Margherita” la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Parma e Piacenza organizza un incontro di studi dedicato al Piano Territoriale Paesaggistico Regionale dell’Emilia-Romagna. Ideato da Anna Còccioli Mastroviti, l’incontro è organizzato in collaborazione con l’Ordine degli Architetti PPC della provincia di Piacenza. All’incontro di studi, aperto dal Soprintendente Giovanna Paolozzi Strozzi e dal Presidente dell’Ordine degli Architetti, Giuseppe Baracchi, partecipano dirigenti e funzionari della Regione Emilia-Romagna, del Segretariato Regionale del MiBACT e della stessa Soprintendenza; saranno rappresentati lo stato dell’arte dei lavori in corso e tratteggiati gli scenari futuri legati all’entrata in vigore del nuovo Piano Territoriale Paesaggistico Regionale, il cui iter di aggiornamento è stato avviato a dicembre 2016 da Regione Emilia-Romagna e Mibact. La II Giornata Nazionale del Paesaggio sarà altresì occasione per divulgare la Carta nazionale del Paesaggio, a cura dell’Osservatorio Nazionale per la qualità del Paesaggio, redatta sulla base dell’ampio quadro delineato dal Rapporto sullo Stato delle Politiche del Paesaggio pubblicato nell’ottobre 2017 dal Mibact, Direzione Generale Archeologia Belle Arti e Paesaggio, e sulla base dei contenuti emersi dagli Stati generali del Paesaggio tenutasi a Roma lo scorso 25 e 26 ottobre. Al termine dei lavori, l’artista Brunivo Buttarelli presenterà la sua opera Evoluzione. Mutamenti terrestri e invasività umane 2017.

RAVENNA

La Basilica di Sant’Apollinare in Classe ospita una visita guidata tematica dal titolo “L’arte racconta il paesaggio. Un Paradiso tra gli alberi. Il mosaico del catino absidale tra natura e simbolismo” per indagare gli aspetti naturalistici e figurati della celebre opera musiva di VI secolo.

Rispondi