università chieti identitàIl terzo incontro del ciclo “Patrimonio culturale, parliamone” organizzato dalla Soprintendenza archeologia belle arti e paesaggio dell’Abruzzo si svolge il 16 marzo con inizio alle 16,30 presso il Museo Universitario di Chieti. Le relazioni daranno lo spunto per riflettere sui valori che hanno portato all’istituzione dell’Anno Europeo del Patrimonio culturale, dove l’identità europea si sviluppa dal dialogo con e tra le identità locali, e si specchia nel ricco mosaico di diversità del patrimonio culturale del nostro continente.

L’Anno Europeo del Patrimonio Culturale è l’occasione giusta per riflettere insieme sul concetto di patrimoni culturali e identità culturali; non dobbiamo dimenticare come la stessa Unione europea sia fondata sul rispetto della “ricchezza della sua diversità culturale e linguistica” e “sulla salvaguardia e sullo sviluppo del patrimonio culturale europeo” (Art. 3 del Trattato sull’UE, comma 3), nonché sul contributo “al pieno sviluppo delle culture degli Stati membri, nel rispetto della loro diversità regionali e nazionali, evidenziando nel contempo il retaggio culturale comune”.

Un anno, dunque, per scoprire il nostro patrimonio culturale, in tutte le sue manifestazioni materiali, immateriali e digitali, quale espressione della diversità culturale europea ed elemento centrale del dialogo interculturale. Un anno per riflettere e dialogare sul valore che il patrimonio culturale riveste per la nostra società e per mostrarne a tutti l’importanza nei diversi settori della vita pubblica e privata. Un anno per godere del nostro patrimonio imparando ad averne cura.

Dopo i saluti di Luigi Capasso, Professore Ordinario di Antropologia e Direttore del Museo universitario dell’Università “G.D’Annunzio” Chieti-Pescara, seguiranno gli interventi di Erminia Sciacchitano, Chief Scientific Advisor dell’Anno europeo del patrimonio culturale DG educazione e ricerca, Commissione Europea; di Luca Dal Pozzolo, Direttore Osservatorio Culturale del Piemonte. Coordina i lavori Rosaria Mencarelli, Soprintendente archeologia belle arti e paesaggio dell’Abruzzo.

Rispondi