Limonaia Villa MasiniÈ di poco meno di 10 milioni di euro il contributo che il Mibact ha stabilito per sostenere le spese di conservazione e restauro di beni culturali che si trovano sul territorio della regione Toscana. La cifra è la più alta stanziata tra tutte le regioni e da sola corrisponde quasi all’intero ammontare delle risorse erogate nel 2017 su tutto il territorio nazionale. L’importo complessivo dei lavori per cui è stato richiesto il contributo pubblico nel 2018 era di 35,5 milioni di euro. Di questi, è stato finanziato il 27,8%.

Il codice dei Beni culturali stabilisce che i soggetti pubblici e privati hanno l’obbligo di garantire la conservazione dei beni culturali di loro proprietà e che i costi ricadono su di loro. In particolari circostanze le spese sostenute dal proprietario, possessore o detentore per interventi conservativi volontari possono essere fino al 50% a carico del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.

GLI INTERVENTI FINANZIATI

Sono 136 i beni culturali ammessi allo stanziamento per il 2018. Tra questi spicca Villa Poliakoff di Firenze, con 538 mila euro di contributi assegnati. I lotti I, II e III della Fortezza di San Giorgio, sull’Isola di Capraia, potranno disporre di 325 mila euro, per i lotti IV e V ci saranno 293 mila euro mentre 230 mila euro per il VI lotto. Quasi 220 mila euro andranno al Conservatorio di Santa Chiara di San Miniato (PI), per lavori al tetto e all’ala ovest. Alla Villa e Giardino Garzoni di Pescia (PT) 260 mila euro per “elementi decorativi del giardino” e 210 mila euro per la Palazzina d’estate. Per il Complesso di Sant’Agostino di Prato in arrivo 200 mila euro, mentre poco più di 210 mila saranno a disposizione del Complesso di San Fedele a Paterno, a Radda in Chianti (SI). Circa 190 mila euro verranno stanziati per Villa L’Ugolino, di Bagno a Ripoli (FI), dimora del XV secolo. Quasi 265 mila euro quindi sono destinati a sostenere le spese per lavori svolti a Palazzo Vecchietti del Corona di Firenze.

Piccola curiosità: circa 6 mila euro andranno ad Adriana Masini per lavori alla “Limonaia” di Villa Masini, a Montevarchi (AR), sede della casa di Roberto Benigni nel film “La vita è bella“, vincitore di tre premi oscar.

Leggi anche:

Mibact, 60 mln nel 2018 ai possessori di beni culturali per interventi conservativi e di restauro

Rispondi