AmiataValorizzare il territorio amiatino oltre i confini nazionali, rafforzando la strategia comune avviata con la firma del protocollo con il quale è stato creato il progetto turistico e promozionale “Destinazione Amiata“. È questo uno dei punti salienti dell’intervento dell’assessore regionale al turismo Stefano Ciuoffo, presso il Rifugio Cantore ad Abbadia San Salvatore (SI), nel corso dell’incontro organizzato dagli operatori turistici del territorio. “Un clima costruttivo – ha spiegato Ciuoffo – ha fatto da contorno all’incontro: c’è stata condivisione di idee e prospettive con sindaci, operatori, albergatori, esponenti del mondo bancario locale, rappresentanti di società di promozione e investimenti che in tutti questi mesi sono stati di stimolo e sollecitazione rispetto ai contenuti del protocollo”.

Ciuoffo ha proseguito dicendo di “aver accettato con piacere l’invito della comunità amiatina per fare il punto della situazione in loco. Un’occasione anche per godere lo splendore della montagna in inverno e rendersi conto direttamente delle potenzialità del comprensorio”. Durante il confronto sono state illustrate le opportunità che possono aprirsi per l’Amiata sotto il profilo dello sviluppo turistico, puntando i riflettori sulla necessità di fare sistema. “È stato compreso da tutti – ha aggiunto l’assessore – che agire da soli, e magari in contrapposizione, come avvenuto in passato non paga. Finalmente è passato il messaggio che la condivisione può generare nuovi spazi per tutti. L’orizzonte è il mercato europeo, una dimensione nuova per l’Amiata: per questo diventa importante muoversi in modo condiviso e congiunto cercando di sviluppare progetti che vadano oltre la neve, dallo sport all’ambiente al cibo”.

Durante l’incontro varie le richieste mosse alla Regione: supporto agli investimenti per il rinnovo degli impianti, ma sopratutto continuità nell’impegno teso a costruire e consolidare il nuovo brand “Destinazione Amiata”. “L’impegno preso – ha concluso Ciuoffo – è continuare in modo serrato con il lavoro di attuazione del protocollo, cercando al contempo di reperire risorse aggiuntive per sostenere gli investimenti richiesti. Adesso è il momento di serrare le fila e tradurre l’impegno preso sotto forma di ricadute economiche per le comunità locali”.

IL PROTOCOLLO DI OTTOBRE

Il 23 ottobre del 2017 è stato firmato il protocollo d’intesa tra la Regione Toscana e 13 Comuni dell’Amiata con l’obiettivo di gettare le basi per arrivare ad un progetto complessivo di rilancio del territorio amiatino. Il documento è stato sottoscritto dagli assessori regionali al lavoro e formazione, Cristina Grieco, e alle attività produttive, turismo e commercio, Stefano Ciuoffo, e dai rappresentanti dei Comuni di Abbadia San Salvatore, Castiglion d’Orcia, Piancastagnaio, Radicofani, San Quirico d’Orcia, Arcidosso, Castel del Piano, Castell’Azzara, Roccalbegna, Santa Fiora, Seggiano, Semproniano e Cinigiano. Presente anche il consigliere regionale Leonardo Marras.

Rispondi