Biosfera collemeluccioTredici Camere di Commercio unite in rete con l’obiettivo di promuovere i siti Unesco italiani meno conosciuti. Si chiama “Mirabilia” (European Network of Unesco Sites) ed è un progetto nato nel nostro paese e diffuso oggi anche in Francia. Presente con uno stand al Salone Internazionale del restauro, dei musei e delle imprese culturali di Ferrara, “Mirabilia” prende il nome dai “Mirabilia Urbis Romae”, le guide pratiche scritte dai viaggiatori che nell’antichità guidavano i pellegrini verso la Città eterna raccontando loro storie di popoli, persone e località incontrati lungo il percorso.

IL PROGETTO

“Mirabilia” connette e integra siti unici patrimonio materiale Unesco, valorizza le eccellenze dei territori, dei beni culturali, architettonici e ambientali. L’obiettivo è la promozione dei siti, favorendo anche la crescita del tessuto economico locale. Come? Grazie a incontri B2B tra operatori italiani ed esteri, nel corso di eventi organizzati. Il prossimo incontro si terrà a Pavia, tra il 27 e il 29 ottobre e vedrà la partecipazione di aziende, ristoratori, strutture ricettive e tour operator.

I SITI UNESCO COINVOLTI

I sassi e il Parco delle Chiese rupestri di Matera; I Trulli di Alberobello; Castel del Monte; La Reggia, il Parco, San Leucio e l’acquedotto Vanvitelliano di Caserta; le strade nuove e il sistema dei Palazzi dei Rolli di Genova; le Isole Eolie; la Riserva della biosfera Collemeluccio Montedimezzo in Molise; la via Francigena a Pavia; il Pollino geopark di Potenza; le città tardo barocche della Val di Noto, collegate a Ragusa; Portovenere, Cinque Terre e le isole (Palmaria, Tino e Tinetto); Assisi, la Basilica di San Francesco e altri siti francescani; i luoghi del potere dei Longobardi in Italia; l’area archeologica di Aquileia e la Basilica patriarcale, le Dolomiti friulane, le opere di difesa veneziane tra il XV e il XVII secolo (Palmanova); la città di Verona.

Rispondi