Il Governo assuma iniziative urgenti per ripristinare la cinta muraria di San Gimignano e prevenire ulteriori episodi di questa natura, e istituisca un apposito fondo nazionale a sostegno degli interventi di prevenzione, manutenzione e ripristino di eventuali danni delle fortificazioni medievali riconosciute patrimonio storico e culturale, con particolare riferimento a quelle ricadenti sui siti Unesco. Lo chiede Susanna Cenni (Pd) in un’interpellanza indirizzata al ministero dei Beni culturali e a al ministero dell’Economia. La deputata dem chiede inoltre al governo di “promuovere norme specifiche che permettano alle amministrazioni comunali di poter utilizzare risorse economiche in deroga ai vincoli del pareggio di bilancio per prevenire e ripristinare eventuali danni arrecati al patrimonio culturale pubblico”.

Martedì 3 aprile – ricorda la Cenni – è crollato un tratto della cinta muraria di San Gimignano (Siena) edificata nel XIII secolo d.C.. Le istituzioni, secondo quanto si apprende dagli organi di informazione, si sono già attivate per cercare di ripristinare il tratto murario danneggiato. La regione Toscana ha proclamato lo stato di emergenza, mentre il ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo ha autorizzato lo stanziamento, da parte della sovrintendenza di Arezzo, Siena e Grosseto, di 300 mila euro per i primi interventi necessari.

Negli ultimi anni sono stati numerosi i danni che si sono verificati, a seguito di avversità atmosferiche, al patrimonio storico ed architettonico regionale. Come ad esempio nel 2012 a Monticchiello (in provincia di Siena nel comune di Pienza), un borgo che ricade nella Val d’Orcia che dal 2004 è patrimonio dell’Unesco dove sono crollate alcune sezioni della cinta muraria e nel 2014 a Volterra (in provincia di Pisa), dove il crollo interessò circa 30 metri delle mura costringendo anche all’evacuazione di alcune abitazioni. Danni si sono verificati anche a Magliano in Toscana (in provincia di Grosseto), Poggio a Caiano (in provincia di Prato), San Casciano in Val di Pesa (in provincia di Firenze).

Leggi anche:

San Gimignano, Rossi (Toscana): da Soprintendenza subito 300mila euro per gestire emergenza

San Gimignano, Barni (Toscana): al lavoro per trovare soluzione, ognuno farà la sua parte

Rispondi