Antonella Parigi“La Regione Piemonte ha sottoscritto la nuova Intesa interregionale sulle residenze artistiche per il triennio 2018/2020: al documento, definito in collaborazione con il MiBACT, hanno aderito 17 fra Regioni e Province Autonome, con l’obiettivo di rendere le residenze componenti strutturali del sistema dello spettacolo dal vivo italiano”. Lo comunica una nota dell’assessorato regionale alla Cultura e Turismo. “Quindi, dopo la positiva esperienza del triennio appena concluso (con le cinque residenze di danza a Collegno, di teatro tra Biella e Torino, di teatro di figura a Pinerolo, di circo contemporaneo a Grugliasco e a Fossano) l’assessorato regionale alla Cultura conferma il proprio impegno a favore di una progettualità capace di rinnovare i processi creativi e di accompagnare giovani talenti”.

“Il progetto prevede uno sviluppo rispetto al precedente triennio e, nello specifico, la realizzazione di un ‘Centro di residenza’, dedicato alla danza e che dovrà essere gestito da un raggruppamento di soggetti, e di cinque Residenze per artisti nei territori, rivolte invece a una pluralità di discipline (danza, teatro, circo contemporaneo e arti di strada). In entrambi i casi la selezione dei progetti avverrà tramite un bando pubblico, la cui struttura e i cui contenuti e criteri di valutazione sono comuni a tutte le Regioni aderenti, a riprova della condivisione di una visione complessiva e di sistema che sta alla base della nuova triennalità”.

“Le residenze artistiche costituiscono un importante strumento per lavorare sulla creatività e a supporto degli artisti, intervenendo quindi a supporto della creazione artistica e della produzione di nuovi contenuti culturali, aspetti per noi fondamentali nell’ambito dello spettacolo dal vivo – dichiara Antonella Parigi, assessore alla Cultura e al Turismo della Regione Piemonte -. A livello regionale, d’altra parte, abbiamo già dato prova di una forte multidisciplinarità e di un’attenzione particolare a questi temi, forti anche un sistema di grande qualità e diffuso sul territorio”.

“Le risorse messe a disposizione per il 2018 sono pari a 450mila euro, così ripartite: 270mila euro a carico della Regione Piemonte e 180mila euro a carico del Ministero. Al Centro sarà destinato un contributo di 200.000,00 euro, mentre alle residenze spetterà un contributo di 50.000,00 euro ciascuna, a fronte di progetti che prevedano un cofinanziamento dei beneficiari di almeno il 20% del costo complessivo. Il bando è stato pubblicato ufficialmente ieri: entro il 21 maggio dovranno essere presentate le domande, mentre gli esiti saranno approvati a trenta giorni dalla scadenza”.

Rispondi