Libri traduzioniUn milione di euro annui a decorrere dal 2018: questa la dotazione del Fondo per la promozione della lettura, della tutela e della valorizzazione del patrimonio librario. Il Mibact, di concerto con il Mef, pubblica ora i criteri di riparto del Fondo. Le risorse annuali saranno utilizzate per il 70% per il sostegno ai sistemi bibliotecari provinciali e comunali mentre il restante 30% servirà a sostenere le biblioteche scolastiche. Il Fondo è stato istituito con la manovra correttiva del 2017 (DL 50/2017). I criteri di ripartizione sono stati pubblicati in attuazione dell’articolo istitutivo del Fondo, inserito nello stato di previsione del Mibact. Il Fondo risponde all’esigenza di assicurare ai sistemi bibliotecari ulteriori risorse. Riconosce, inoltre, il ruolo fondamentale delle biblioteche scolastiche nel promuovere la lettura, con particolare riguardo agli utenti più giovani.

COME VERRANNO ASSEGNATE LE RISORSE

Un decreto del Direttore generale Biblioteche e istituti culturali del Mibact assegnerà le risorse. Il decreto sarà adottato entro il 30 giugno di ciascun anno a partire dal 2018. Entro il 30 aprile di ogni anno, gli interessati dovranno presentare istanza attraverso la modulistica che sarà predisposta dalla stessa Direzione generale. Per il 2018, a quanto apprende AgCult, la data di presentazione delle domande dovrebbe slittare al 24 maggio per consentire alla Direzione generale di predisporre la modulistica. In base al decreto infatti la Dg Biblioteche ha 30 giorni di tempo dalla data di pubblicazione sul sito del Mibact (avvenuta il 24 aprile) per mettere a disposizione dei potenziali beneficiari i moduli di partecipazione.

Il Direttore ripartirà le risorse in proporzione alle istanze ricevute. Ciascun sistema bibliotecario non potrà comunque ricevere più del 10% dell’ammontare destinato ai sistemi bibliotecari provinciali e regionali.

Per il sostegno alle biblioteche scolastiche, l’istanza dovrà essere corredata da un dettagliato progetto degli interventi da realizzare. Il progetto dovrà indicare anche tempi e costi previsti. Nella ripartizione delle risorse, il Direttore generale valuterà le richieste sentito il competente Direttore generale del Miur. Ciascun beneficiario non potrà comunque ricevere più del 10% dell’ammontare destinato al sostegno delle biblioteche scolastiche.

Entro il 31 marzo dell’anno successivo a quello dell’assegnazione dei contributi, i beneficiari presenteranno alla Direzione generale un rendiconto sull’utilizzo delle risorse.

Approfondimenti:

Criteri di riparto del Fondo per la promozione del libro e della lettura

Rispondi