mibact collegio romano cultura comitato bcg

Il Mibact fissa, per il 2018, il limite di spesa per missioni a circa 729 mila euro. Il decreto di contenimento della spesa segue quelli pubblicati di recente in merito a spese per autovetture, formazione e consulenze.

La somma è stata ripartita tra i capitoli di spesa e i piani gestionali del Gabinetto e degli Uffici di diretta collaborazione del Ministro dei beni culturali. Alla suddivisione partecipano anche le spese che verranno effettuate dal Segretario Generale e dai Direttori Generali del Mibact.

La somma più ingente viene assegnata alla voce Segretari regionali (160 mila euro), seguita da quella relativa all’Ufficio di Gabinetto e agli uffici che collaborano con il Ministro (140 mila euro). Alla Direzione Generale Archeologia Belle Arti e Paesaggio del Mibact vengono assegnati 115 mila euro, una somma più alta rispetto a quella programmata per le altre Direzioni. I singoli capitoli di spesa sono elencati nella tabella allegata al decreto.

LE NORME IN MATERIA DI CONTENIMENTO DELLA SPESA

Il decreto di contenimento della spesa è stato adottato nel rispetto delle norme per la riduzione del costo degli apparati amministrativi. Esse sono state fissate dal decreto legge 78/2010. A decorrere dall’anno 2011, le amministrazioni pubbliche individuate dall’Istituto nazionale di statistica (ISTAT) devono attenersi alle percentuali di spesa fissate facendo riferimento ai costi sostenuti per le singole voci nel 2009.

In particolare, le spese per missioni, all’estero e all’interno, non possono superare il 50% della spesa sostenuta nel 2009. In merito a questo tipo di spesa, però, la legge di stabilità del 2014 ha stabilito che non rientrano nel conteggio le spese che vengono effettuate dal Ministro dei beni culturali “per lo svolgimento delle attività indispensabili di tutela e di valorizzazione del patrimonio culturale”.

Un limite del 50% viene fissato anche per le spese per la formazione. Limite più alto (80%) vale, invece, per l’acquisto, la manutenzione, il noleggio e l’esercizio di autovetture, nonché per l’acquisto di buoni taxi. Stesso limite viene fissato dalla norma per studi e consulenze, per relazioni pubbliche, convegni, mostre e pubblicità e per sponsorizzazioni.

Approfondimenti:

Decreto per il contenimento per le spese per missioni

Leggi anche:

Mibact, fissati i limiti di spesa per autovetture, formazione e consulenze

Rispondi