Un importo pari a circa 400 mila euro. Questo l’ammontare della rimodulazione dei finanziamenti ai Programmi Triennali dei lavori pubblici di diverse annualità disposta dal Mibact. I tre decreti ministeriali di rimodulazione sono stati adottati in favore di istituti dei Poli Museali dell’Abruzzo, del Veneto e del Friuli Venezia Giulia.

In tutti e tre i casi, sono stati gli stessi Poli Museali a richiedere la rimodulazione degli interventi nei mesi scorsi. Alla richiesta, il Comitato tecnico-scientifico per i Musei e l’Economia della Cultura del Mibact ha risposto positivamente nel marzo scorso. Le modifiche sono state adottate senza alcuna maggiore spesa. Nello specifico, si è intervenuto rispetto ai Programmi triennali dei lavori pubblici relativi agli anni 2016-2018 e 2017-2019.

POLO MUSEALE DELL’ABRUZZO

Il primo decreto si riferisce all’utilizzo di parte della somma destinata all’allestimento di una nuova sezione del Museo Nazionale d’Abruzzo “La città e la fortezza”, nella sede storica del Castello Cinquecentesco dell’Aquila. Dei 70 mila euro previsti per l’intervento, solamente 4 mila euro saranno mantenuti per lo scopo. I restanti 66 mila euro circa saranno invece utilizzati a favore di interventi di manutenzione e restauro del patrimonio in esposizione e in deposito nella nuova sede provvisoria del Museo, presso l’ex mattatoio comunale dell’Aquila. Saranno inoltre effettuati interventi di valorizzazione mediante la pubblicazione del primo volume del catalogo generale del Museo.

La somma era stata destinata al Museo Nazionale d’Abruzzo dal decreto del Ministro dei beni culturali del 21 settembre 2016. Con il decreto era stato approvato il programma triennale dei lavori pubblici 2016-2018. I 70 mila euro inizialmente previsti erano stati utilizzati solo in parte per un intervento di ripristino del sistema antintrusione del deposito d’opere d’arte. Infatti, “il protrarsi dei lavori di restauro del monumento – precisa il decreto – impedisce di fatto la realizzazione degli interventi programmati”.

POLO MUSEALE DEL VENETO

Con il secondo decreto, si procede alla rimodulazione, per un totale di 100 mila euro circa, di alcuni interventi previsti per il triennio 2017-2019. Viene ridotto l’intervento “Lavori di manutenzione ordinaria immobili” per i siti Museo Archeologico Nazionale, Galleria Franchetti alla Ca’ d’Oro, Museo d’Arte Orientale, Museo di Palazzo Grimani, Depositario di San Gregorio – deposito della Giudecca, Depositario di Palazzo Ducale – Uffici San Marzo.

La rimodulazione si rende necessaria in quanto “il Polo Museale del Veneto ha già ottenuto un finanziamento di pari importo”. I 100 mila euro saranno utilizzati per interventi di manutenzione ordinaria degli impianti meccanici, speciali e di manutenzione ordinaria degli impianti elettrici degli stessi siti. In questo modo, potranno essere assicurati livelli standard di sicurezza e antincendio. Per le caratteristiche del luogo in cui essi sorgono (il centro storico di Venezia), dei sistemi di collegamento e per la densità dei flussi di turisti, si richiedono infatti misure di sicurezza più rigorose.

POLO MUSEALE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

Con Il terzo decreto, circa 250 mila euro vengono rimodulati da interventi a favore del Museo Archeologico Nazionale dell’Archeologia Subacquesa dell’Alto Adriatico di grado (GO) al Museo Archeologico Nazionale di Aquileia (UD). La cifra era stata prevista dal Programma Triennale dei lavori pubblici 2017-2019.

La somma verrà utilizzata per lavori di manutenzione ordinaria, straordinaria, restauri e per l’allestimento del complesso museale di Aquileia. Questo permetterà di completare i lavori previsti nell’ambito del programma Grandi Progetti Culturali. Il Museo di Aquileia si presenterà “con una veste completamente rinnovata, capace di rispondere alle aspettative di ogni categoria di pubblico, anche in prospettiva della nuova stagione turistica”.

Approfondimenti:

Rimodulazione interventi – Polo Museale dell’Abruzzo

Rimodulazione interventi – Polo Museale del Veneto

Rimodulazione interventi – Polo Museale del Friuli Venezia Giulia

Rispondi