Gaiole in Chianti ToscanaDifendere “l’identità del Chianti” e “recuperare un valore storico” del territorio, facendo seguito alla volontà della popolazione e delle aziende. Per questo Gaiole in Chianti, piccolo centro a nord di Siena, in Toscana, vuole cambiare nome e diventare “Gaiole in Chianti Storico”. Il Consiglio Comunale del paese che conta su poco meno di 3.000 abitanti ha già deliberato per la modifica del nome e la palla è ora passata al Consiglio Regionale, nella fattispecie alla Prima Commissione a cui, da ieri, la “pratica” è stata assegnata.

“CHIANTI REALTA’ TERRITORIALE BEN PIU’ RIDOTTA DELL’ATTUALE”

Una proposta di legge brevissima, di soli 3 articoli, ma con la quale si vuole rivendicare l’identità storica di un territorio famoso nel mondo e fortemente “brandizzato” come quello del Chianti.

In allegato alla proposta c’è uno studio, in cui si ricostruisce il percorso che in epoca medievale ha portato alla nascita della terminologia “Chianti” associata a un territorio ben definito. Viene così spiegato che “la denominazione Chianti caratterizzasse in origine una realtà territoriale ben più ridotta rispetto a quella che in seguito andrà a indicare”. In questa realtà territoriale nacque, agli inizi del 1300, la “Liga et Societas de Chianti”. Secondo il prof. Renato Stopani, del Centro Studi Chiantigiani Clante, “le popolazioni del territorio che andarono a formare la Lega solo dopo il Trecento prenderanno coscienza di appartenere al Chianti”. Diversamente da “quelle del gaiolese, che da epoca ben più antica sapevano di ‘essere’ il Chianti”.

IL COMUNE DI GAIOLE: “TERRITORIO DISOMOGENEO, SOPRATTUTTO STORICAMENTE”

Infine il documento del Comune evidenzia come “l’estensione arbitraria del nome a un territorio sempre più ampio ha creato e sta creando problemi per il territorio in questione che è ben lungi dal presentarsi omogeneo sul piano geografico, fisico e soprattutto storico”.

Rispondi