Lettura libri

Con decreto interministeriale sono state definite le modalità di riparto del Fondo per la promozione del libro e della lettura. Il decreto è stato firmato dal Ministro dei beni culturali, dal Ministro delle finanze e dal Ministro dell’istruzione.

Istituito con legge di bilancio 2018, per il Fondo si prevede una dotazione pari a 4 milioni di euro, di cui una quota pari a 1 milione di euro annui destinata alle biblioteche scolastiche. Tutto questo, a partire dall’anno in corso. L’istituzione di questo strumento risponde all’esigenza di realizzare interventi di sostegno all’educazione alla lettura, soprattutto rivolgendosi ai più giovani. Riconosce, inoltre, il ruolo fondamentale delle biblioteche scolastiche nel promuovere la lettura e mira a favorire la cooperazione tra istituzioni scolastiche, biblioteche, enti locali, librerie e istituzioni culturali. Promuove la digitalizzazione del patrimonio librario, anche per la realizzazione di biblioteche digitali.

Il Fondo istituito con legge di bilancio si affianca al Fondo per la promozione della lettura, della tutela e della valorizzazione del patrimonio librario, previsto dalla manovra correttiva del 2017 – decreto legge n. 50/2017 – (Mibact, ecco come sarà ripartito il Fondo per la promozione del libro e della lettura).

PROGETTI DI PROMOZIONE DEL LIBRO E DELLA LETTURA

Il Fondo è gestito dal Centro per il libro e la lettura che, entro il 30 aprile di ogni anno, pubblica uno o più bandi. Tali bandi sono funzionali alla presentazione di progetti di promozione del libro e della lettura da parte di soggetti pubblici o privati. Essi indicheranno l’arco temporale di riferimento, le risorse disponibili, i soggetti beneficiari e i requisiti di ammissibilità dei progetti oltre che le relative modalità di presentazione. Verranno anche indicate le modalità di valutazione dei progetti e di erogazione del contributo.

In merito alla cifra destinata alle biblioteche scolastiche, il bando o i bandi sono elaborati dal Centro d’intesa con la Direzione generale del Ministero dell’Istruzione dedicata. Si tratta, in particolare, della Direzione per interventi in materia di edilizia scolastica, per la gestione dei fondi strutturali per l’istruzione e per l’innovazione digitale.

Entro il 30 settembre di ogni anni, il Centro valuterà i progetti e assegnerà le risorse. Sarà sempre lo stesso Centro a predisporre una relazione dettagliata dei progetti finanziati, entro il 31 gennaio di ogni anno. La relazione dovrà essere trasmessa alla Direzione generale Biblioteche e istituti culturali del Mibact. Solamente in riferimento ai progetti inerenti alle biblioteche scolastiche la relazione dovrà esser trasmessa anche al Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali del Ministero dell’istruzione.

Approfondimenti:

Modalità di riparto del Fondo per la promozione del libro e della lettura

Leggi anche:

Manovra: nasce Fondo per la promozione del libro e della lettura, dotazione 3 mln

Legge di Bilancio 2018: tutte le misure approvate per cultura, turismo e paesaggio

Rispondi