Archivisti cultura

Scadono il 22 giugno i termini per la presentazione delle istanze relative a due interpelli promossi dalla Direzione Generale Archivi del Mibact per il conferimento di incarichi dirigenziali ad interim presso 39 Istituti archivistici di livello non dirigenziale.

Le domande, corredate dal curriculum vitae e dal parere favorevole del competente Direttore, dovranno essere inviate alla DG Archivi alla casella di posta elettronica: dga@beniculturali.it. Le sedi indicate dal primo interpello sono 36 a cui si aggiungono l’Archivio di Stato di Caltanissetta, di Enna e di Sondrio del secondo interpello. Tra le sedi indicate dal primo avviso troviamo l’Archivio di Stato di Brescia, di Caserta, di Messina, di Siena, di Parma e di Pesaro.

Gli incarichi assegnati andranno a sostituire i 39 in scadenza entro il mese di giugno. Essi avranno una durata di tre anni o inferiore se coincidenti con la data di pensionamento dei funzionari prescelti.

PROCEDURA DI CONFERIMENTO

La selezione avverrà nel rispetto dell’interesse pubblico di individuare funzionari con competenze e capacità professionali idonee a garantire “l’ottimale ed efficace svolgimento delle funzioni connesse agli incarichi”. Nella valutazione delle domande, si considereranno inoltre la complessità della struttura, le attitudini e le esperienze dei candidati. Attenzione sarà rivolta anche ai percorsi formativi e alle competenze scientifiche maturate nel settore archivistico del funzionario.

La procedura è attivata sulla base delle disposizioni del decreto ministeriale 27 novembre 2014, recante disciplina di criteri e procedure per il conferimento degli incarichi dirigenziale. Essa è inoltre in linea con quanto previsto dal Piano triennale di prevenzione della corruzione 2018-2020.

PROFILI AMMESSI ALL’INTERPELLO

Potranno partecipare alla selezione i funzionari di area III interessati a rivestire la titolarità dell’incarico. Allo stesso modo, posso presentare domanda coloro che siano già titolari di direzione di Archivio di Stato non dirigenziale. Il decreto di conferimento dell’incarico recherà la valutazione comparative e le motivazioni dell’affidamento dell’incarico.

Le istanze presentate da funzionari di area III inquadrati come Funzionario Archivista di Stato saranno valutate “in via prioritaria”. Quelle invece inoltrate da funzionari di area III inquadrati in altri profili potranno essere prese in esame nel caso di carenza di istanze di funzionari inquadrati come Funzionario Archivista di Stato. Tale ipotesi è comunque soggetta al possesso di diploma in archivistica, paleografia e diplomatica o di titolo equipollente oppure di un’esperienza di direzione di Istituti di livello non dirigenziale.

Approfondimenti:

I avviso di interpello per l conferimento degli incarichi di direzione degli Istituti archivistici di livello non dirigenziale

II avviso di interpello per il conferimento degli incarichi di direzione degli Istituti archivistici di livello non dirigenziale

 

Rispondi