bonus-cultura-99-poche-richieste-2017“Tagliare la 18app è la prima iniziativa di un ministro della Cultura? Ridurre le risorse invece che farle crescere – come si era impegnato a fare – sarebbe davvero una follia”. Lo ha dichiarato il senatore del Partito democratico, Roberto Rampi, commentando le dichiarazioni del neo ministro dei Beni culturali, Alberto Bonisoli, che mercoledì a margine della presentazione della Festa della Musica, a proposito dei giovani e della cultura, aveva dichiarato: “Vorrei che i soldi siano utilizzati per incuriosire i ragazzi e fare in modo che siano loro ad andarsi a prendere la cultura di cui hanno bisogno”.

Immediata la replica del senatore dem: “18app è uno dei pochi provvedimenti che ha fatto crescere le risorse culturali facendo scegliere ai cittadini”. “Pensiamo – ha spiegato Rampi – che quando andrà a vedere i dati si accorgerà di quanto #18app ha significato per l’industria culturale italiana, per le piccole librerie, per la musica, che finalmente è considerato un settore alla pari di tutti gli altri e non un settore di serie B. E poi naturalmente per i ragazzi italiani: cosa gli hanno fatto di male i diciottenni al ministro della Cultura, perché come prima dichiarazione pensa di togliergli quel poco che gli è stato dato?”.

Leggi anche:

Mibact, Bonisoli: nel governo del cambiamento sapró essere “molto testardo” per la cultura

Bonus cultura, i nati nel ‘99 possono iscriversi a 18App fino al 30 giugno

Tags:

Rispondi