bandiera-europa ue

Le industrie culturali e creative sono uno dei settori più vivaci dell’economia europea e innovano costantemente i loro prodotti e modelli di business: per questo motivo possono contribuire a promuovere l’Europa e la sua offerta turistica in modo più efficace e innovativo, migliorando l’esperienza del turista. Con l’obiettivo di sfruttare al meglio le sinergie tra il turismo e le industrie culturali e creative attraverso azioni concrete, l’Agenzia esecutiva per le piccole e medie imprese (EASME) della Commissione europea ha lanciato una call da 2 milioni di euro. Il bando – che scade il 19 luglio – intende cofinanziare progetti che pongano un particolare accento sulla cooperazione transnazionale tra il turismo e le PMI legate al settore culturale e creativo per sviluppare e promuovere offerte turistiche innovative. Tali offerte turistiche dovrebbero sfruttare il potenziale delle industrie culturali e creative per sviluppare nuove esperienze turistiche o migliorare quelle già esistenti. Si prevede di selezionare da 5 a 7 proposte e il finanziamento massimo per ogni progetto è 400mila euro.

GLI OBIETTIVI SPECIFICI

Il bando ha l’obiettivo di rafforzare la competitività del turismo europeo e promuovere l’immagine dell’Europa come destinazione turistica globale di eccellenza. La Commissione europea vuole sostenere progetti che siano innovativi nel loro approccio, che propongano soluzioni sostenibili e che si basino sulla stretta cooperazione e partecipazione delle PMI e dei professionisti del turismo e delle industrie culturali e creative. L’obiettivo generale della call è esplorare gli effetti di ricaduta della cultura e della creatività sui prodotti e servizi turistici in termini di: rivitalizzare destinazioni turistiche e diversificare le esperienze transnazionali; prolungare la stagionalità delle destinazioni dell’UE e/o migliorare la sostenibilità delle offerte turistiche; promuovere l’innovazione del turismo transnazionale. Gli obiettivi specifici dell’azione sono: sviluppare soluzioni innovative o strumenti di gestione per le attrazioni turistiche o le destinazioni attraverso la cooperazione tra il turismo e le industrie culturali e creative; esplorare nuovi modi di coinvolgere i visitatori, con l’aiuto di professionisti delle industrie culturali e creative, per rivitalizzare prodotti/servizi turistici esistenti e/o crearne di nuovi; creare solidi partenariati pubblico-privato nel settore del turismo e delle industrie culturali e creative e garantire lo scambio di conoscenze ed esperienze.

PRIORITA’ E ATTIVITA’ AMMISSIBILI

Le proposte dovranno dare la dovuta importanza ad alcune priorità, tra cui: lo sviluppo di prodotti turistici tematici transnazionali incentrati su soluzioni innovative; la creazione di reti di cooperazione transnazionale che facilitino lo sviluppo delle capacità attraverso il trasferimento di conoscenze e innovazione; l’elaborazione di nuove offerte di nicchia rivolte al pubblico. Il bando supporterà diversi tipi di attività, tra cui la mappatura di attrazioni turistiche, siti, destinazioni e servizi relativi al turismo, che potrebbero essere collegati al tema identificato; lo sviluppo di prodotti e servizi turistici transnazionali, che hanno un eccellente potenziale di marketing; la creazione di nuove soluzioni tecnologiche o organizzative per attrarre e coinvolgere i visitatori; lo sviluppo di attività promozionali creative che offrano informazioni pratiche e strumenti utili per i potenziali turisti; l’attuazione di azioni di sensibilizzazione e diffusione.

Per approfondimenti:

Sinergie tra turismo e industrie culturali e creative: il bando completo

Leggi anche:

Ue, progetto pilota per le imprese culturali e creative: online bando da 1 mln

Rispondi