Scadrà il 31 luglio alle 11 il bando di gara per l’affidamento dei lavori di restauro della grande Vetrata Vivarini presso la Chiesa dei SS. Giovanni e Paolo nel sestiere di Castello a Venezia. La procedura è stata indetta da Invitalia in qualità di Centrale di Committenza per conto del ministero dei Beni culturali – Segretariato regionale per il Veneto.

L’importo totale dell’appalto è di 482.295,10 euro: di questi, 398.245,03 euro sono soggetti a ribasso mentre 84.050,07 euro per oneri della sicurezza e quota parte lavori in economia non sono soggetti a ribasso. Il termine finale per l’esecuzione dei lavori è di 365 giorni naturali e consecutivi.

LA VETRATA VIVARINI

La “Vetrata del Vivarini” è parte integrante della Chiesa domenicana dei Santi Giovanni e Paolo, sita nel Sestiere di Castello, a Venezia. La vetrata è composta da 66 “antelli” e da 81 piccoli diaframmi privi di telaio, formati da tessere in vetro legate a piombo. La vetrata costituisce un elemento di eccezionale valore sia artistico che funzionale, dal momento che rientra in un sistema di modulazione della luce del transetto. La vetrata fu realizzata nel 1510 dal maestro vetraio muranese Giannantonio Laudis, su disegno di Bartolomeo Vivarini. Gli interventi di restauro più importanti sono stati eseguiti già all’inizio del secolo scorso. L’ultimo restauro porta la data del 1980.

Attualmente la vetrata presenta un diffuso ed avanzato stato di degrado, con deformazioni e rotture. L’intervento in programma prevede lo smontaggio delle parti ammalorate per le necessarie analisi di laboratorio e successivo ripristino puntuale, nonché la rimozione del materiale di restauro usato in precedenza e non più consono al mantenimento in buono stato dell’opera. Sarà eseguita inoltre la pulitura, il restauro e l’integrazione delle tessere vitree e del telaio di sostegno. La protezione dell’opera sarà ottenuta, dopo attenta valutazione tecnica, mediante il posizionamento di una controvetrata da collocare all’esterno, per contrastare l’aggressione da parte di fenomeni atmosferici.

Rispondi