“Sono profondamente soddisfatto che la delega al turismo sia stata affidata ad un Ministro con una preziosa esperienza nel settore e profondo conoscitore di tutte le problematiche che lo caratterizzano”. Lo dichiara il presidente di Federturismo Confindustria Gianfranco Battisti. “L’Italia rimane una destinazione di eccellenza, ma con un bacino di opportunità non pienamente sfruttate”.

“Ci sono dei temi per noi cruciali rimasti irrisolti tra i quali il processo di riforma del Titolo V che rimane un passo fondamentale per poter ridare al paese la possibilità di essere visibile e competitivo a livello mondiale e per ridurre l’attuale spreco di risorse. Così come la visione di un’Italia nuovamente competitiva nel mercato internazionale del turismo deve passare dall’attivazione di un sistema di promozione unitario del brand Paese e del suo portafoglio di prodotti turistici”.

“L’Italia è la quinta potenza turistica nel mondo e consolida la sua posizione nel rating del turismo globale con 58,7 milioni di arrivi internazionali, il turismo è una delle industrie più importanti per la nostra economia che porta sviluppo e occupazione, ma che va valorizzata vincendo quel malessere che è in gran parte da attribuire ad una burocrazia improduttiva, ad una eccessiva fiscalità, all’assenza di una politica chiara ed incisiva e ad un disordine istituzionale”.

“Il turismo per affermarsi necessita, innanzitutto, di coesione politica e sociale, di strategie pubbliche e private sinergiche. Siamo certi che il Ministro Centinaio, ascoltando anche le nostre proposte, saprà svolgere un lavoro di ampia concertazione, condivisione ed integrazione che coinvolgerà tutti noi”.

Leggi anche:

Il Mibact perde la T: il Turismo passa alle Politiche agricole

Dal ministero ad hoc alla tassa di soggiorno: le proposte di Centinaio (Lega) per il turismo

Rispondi