cinematografia cinema

Aperte fino al 28 settembre le iscrizioni alla seconda scadenza per il 2018 del “Fondo di sostegno allo sviluppo di coproduzioni di opere cinematografiche tra Francia e Italia”. Si tratta dell’undicesima edizione del Fondo. La precedente edizioni aveva premiato 27 progetti, di cui 21 d’iniziativa italiana, 5 d’iniziativa francese e 1 d’iniziativa paritaria.

I contributi del Fondo si rivolgono a progetti di opere cinematografiche di qualsiasi genere destinati ad una prima diffusione nelle sale cinematografiche e di durata superiore a 75 minuti. I progetti ammessi a contributo riceveranno sovvenzioni per una dotazione annuale pari a 500 mila euro. La cifra viene messa a disposizione per 250 mila dal Ministero dei Beni culturali e per i restanti 250 mila dal Centre National du Cinéma et de l’Image Animée (CNC).

Ciascun progetto potrà ricevere un sostegno non superiore al 70% del preventivo di sviluppo. Il contributo per ciascuna iniziativa non potrà superare i 50 mila euro.

OPERE AMMESSE A CONTRIBUTO

Le opere che intendono accedere al Fondo devono prevedere almeno due produttori, rispettivamente con sede legale in Francia e in Italia. Gli apporti dei due Paesi possono variare da un minimo del 20% ad un massimo dell’80%. Queste quote devono essere commisurate in base al contributo tecnico ed artistico di ciascun co-produttore.

Non possono beneficiare di alcun aiuto le coproduzioni che non comportino alcun contributo tecnico e artistico proporzionale agli apporti finanziari (c.d. coproduzioni finanziarie). Esclusi dai benefici anche i progetti che abbiano richiesto l’accesso a un fondo per la produzione a istituzioni regionali, nazionali o europee o per i quali sia stata già presentata la richiesta di nazionalità preventiva.

Con le quote messe a disposizione dal Fondo si potranno sostenere due categorie di spese di sviluppo. La prima fa riferimento alla remunerazione degli autori per il lavoro di scrittura necessario allo sviluppo della sceneggiatura finale. Tale categoria comprende anche l’acquisizione da parte del produttore dei diritti di adattamento e di sfruttamento cinematografico del progetto. Seconda tipologia di spesa ammessa a contributo è quella delle spese accessorie relative alla scrittura e allo sviluppo del progetto. In tali spese rientrano lavori di ricerca, sopralluoghi, documentazione e traduzione. Per quanto riguarda i film di animazione, potranno essere presi in considerazione i costi di sviluppo grafico e il costo di produzione di una copia pilota.

SELEZIONE DEI PROGETTI

Il produttore italiano – maggioritario, minoritario o paritario – dovrà inviare la documentazione richiesta in italiano per il Mibact entro e non oltre venerdì 28 settembre 2018 all’indirizzo FSIF@beniculturali.it. La stessa documentazione tradotta in francese dovrà essere inviata dal produttore italiano – in accordo con il co-produttore francese – al CNC all’indirizzo ADFI@cnc.fr.

Una Commissione, denominata Commissione franco-italiana per il sostegno allo sviluppo provvederà a stabilire quali progetti potranno accedere al contributo. La Commissione risulta composta da sei componenti, tre designati dal Mibact e tre dal CNC. L’erogazione della sovvenzione sarà responsabilità del Mibact per i produttori o detentori dei diritti della sceneggiatura con sede legale in Italia. Stessa responsabilità è in carico al CNC per i produttori o detentori di diritti della sceneggiatura con sede in Francia.

IL FONDO PER COPRODUZIONI ITALIA-FRANCIA

Il Fondo di sostegno alle coproduzioni Italia-Francia è stato istituito il 21 maggio 2013 con la firma dell’accordo tra il Presidente del CNC e il Direttore generale per il Cinema del Mibact. Il Fondo ha l’obiettivo di incoraggiare le coproduzioni artistiche franco-italiane di opere cinematografiche di lungometraggio. I progetti ammessi a contributo devono prevedere la realizzazione di un’opera di lungometraggio nell’ambito di una coproduzione franco-italiana. Tale opera deve essere a prioritario sfruttamento in sala ed esprimere un potenziale artistico e culturale per entrambi i mercati, francese e italiano.

Approfondimenti:

Avviso relativo alla XI edizione del Fondo

Leggi anche:

Cinema, Mibact: Fondo per coproduzioni Italia-Francia, ammessi 27 progetti

Cinema, entro il 15 marzo le iscrizioni al Fondo di sostegno di coproduzioni cinematografiche tra Francia e Italia

 

Rispondi