Artsupp museiOltre cento partner in tutta Italia e in aumento di giorno in giorno. Sono i numeri di Artsupp, la piattaforma nata per rendere semplice orientarsi all’interno dell’offerta culturale. Il sito è online da un paio di settimane e vuole contrastare la frammentarietà delle informazioni che caratterizzano il sistema dei musei sul web. Una piattaforma che raccoglierà musei grandi e piccoli, da quelli autonomi a quelli comunali, anche quelli che un sito non ce l’hanno proprio. L’idea, nata dalla mente di tre trentenni romani, è portata avanti da un piccolo team. Il servizio è gratuito per i musei e resterà tale. Ma già in vista ci sono aggiornamenti della piattaforma: campagne di fundraising e consulenze di comunicazione e posizionamento web per le istituzioni culturali, tanto per fare un paio di esempi.

In generale Artsupp è uno strumento versatile per facilitare l’accessibilità ai luoghi dell’Arte. Abbraccia l’universo sfaccettato del patrimonio artistico nazionale: dall’archeologia all’arte contemporanea, dalle fondazioni ai musei nazionali, dalle realtà più affermate a quelle più locali, tutte riunite in un unico spazio web che promuove e sostiene le loro attività. Con lo scopo di creare una community attorno ai luoghi della cultura, Artsupp si propone come un’alternativa a un’informazione che risulta a volte frammentaria. Su Artsupp ogni museo, parco archeologico o fondazione avrà un profilo finalizzato a valorizzarne gli spazi, le iniziative e le opere esposte.

I PARTNER E GLI ISCRITTI

Tutti i partner presenti sulla piattaforma avranno un profilo personale organizzato su tre sezioni (info – mostre ed eventi – opere) per facilitare l’utente nel trovare le informazioni utili o semplicemente navigare i suoi contenuti. Le collezioni permanenti, così come le opere esposte temporaneamente negli spazi, saranno sempre a disposizione dell’utente. Ogni iscritto, infatti, può seguire le istituzioni che preferisce ed essere informato dalla propria Home Page sulle loro novità, ricevere gli aggiornamenti sulle mostre in programma, i reminder su quelle a cui è interessato e visualizzare nuove opere.

LA PAGINA ESPLORA

Una delle pagine principali del sito è l’Esplora, dedicata a tutto ciò che l’utente ancora non conosce. La pagina offre a ciascun iscritto una navigazione strettamente personalizzata che tiene conto di geo-localizzazione e interazioni. Grazie a un’informazione puramente visiva, la navigazione è affidata alle forza delle immagini: è possibile partire da un’opera della collezione per arrivare all’ultima mostra in programma, o viceversa, non c’è un percorso prestabilito. Muoversi all’interno del sito è semplice, spaziare da un profilo all’altro è un gioco attraverso la bellezza delle immagini. Protagonisti sono anche gli utenti con i quali è possibile entrare in contatto; spesso possono essere anche e soprattutto loro uno spunto per scoprire qualcosa di nuovo.

UNO STRUMENTO DI RICERCA

Artsupp è soprattutto uno strumento di ricerca utile per informarsi in modo sistematico sull’offerta culturale. L’apparente disordine dell’Esplora si trasforma al momento del bisogno, organizzando i contenuti e dividendoli per categorie. I chilometri che ci distanziano da un museo, una mostra o un’opera, saranno visualizzati su ogni contenuto. Perché scoprire la distanza che ci separa da un capolavoro può essere una spinta in più per passare da “on-line” a “off-line”. Questo è l’obiettivo della piattaforma, trasformare l’utente virtuale di Artsupp in visitatore reale. L’iscrizione al portale è gratuita, sia per le istituzioni che per gli utenti. Il sito è disponibile in lingua italiana e inglese e sono già in programma una serie di upgrades.

Rispondi