cammini di santiagoIl Segretariato dell’Accordo parziale allargato sugli itinerari culturali del Consiglio d’Europa ha aperto una call con l’obiettivo di stilare un elenco di esperti indipendenti per il periodo 2018-2021. Il Consiglio d’Europa, infatti, aggiorna ogni tre anni l’elenco degli esperti indipendenti che possono essere chiamati a fornire pareri in merito all’assegnazione della certificazione di “itinerario culturale del Consiglio d’Europa”, alla valutazione delle reti e dei progetti, e a fornire competenze per lo sviluppo e il consolidamento dei percorsi culturali. La call è aperta fino al 31 agosto.

UNA BANCA DATI DI ESPERTI

Gli esperti selezionati analizzeranno i documenti di valutazione presentati dalle reti degli itinerari culturali interessati a ottenere o a mantenere la certificazione di “itinerario culturale del Consiglio d’Europa”. Le lingue di lavoro per la redazione dei rapporti saranno l’inglese o il francese. L’inclusione nella banca dati degli esperti indipendenti non garantirà la selezione per la consulenza. Ciò dipenderà, tra l’altro, dall’esperienza accademica e professionale nel campo degli itinerari culturali, dalla conoscenza di questioni specifiche relative alle rotte culturali che attualmente richiedono la certificazione o da una valutazione periodica, nonché dalla necessità di garantire l’equilibrio geografico e di genere tra gli esperti selezionati.

LA CERTIFICAZIONE

Gli itinerari culturali certificati sono sottoposti a valutazione triennale. Nuovi itinerari culturali sono certificati dal Consiglio d’Europa ogni anno, sulla base del rispetto di numerosi criteri: fare riferimento ad un tema rappresentativo dei valori europei e condiviso da almeno tre paesi facenti parte del Consiglio d’Europa; essere oggetto di ricerca scientifica transnazionale e multidisciplinare; valorizzare il patrimonio, la storia e la memoria Europea e contribuire all’interpretazione della diversità dell’Europa di oggi; sostenere scambi culturali ed educativi per giovani; sviluppare progetti esemplari ed innovativi nel settore del turismo culturale e dello sviluppo sostenibile; sviluppare prodotti turistici indirizzati a differenti utilizzatori.

Per approfondimenti:

Itinerari culturali, Consiglio d’Europa: call per selezionare gli esperti indipendenti (2018-2021)

Leggi anche:

Consiglio d’Europa: la Santa Sede aderisce all’Accordo sugli Itinerari culturali

Itinerari culturali, mons. Bravi: Santa Sede può contribuire a delineare l’identità europea

Rispondi