Ovidio-Di-BenedettoIl Governo dia piena attuazione alla legge 29 dicembre 2017, n. 266, al fine di sostenere gli interventi volti a promuovere la conoscenza della vita e delle opere di Ovidio. E’ quanto chiede la deputata Stefania Pezzopane (Pd) in un’interrogazione indirizzata al Mibac, ricordando che la legge 266 ha dichiarato il 2017 — nel quale sono ricorsi i duemila anni dalla morte di Ovidio – “anno ovidiano” e a tal fine ha autorizzato una spesa di 350mila euro per ciascuno degli anni 2017 e 2018 finalizzata al sostegno di interventi volti a promuovere, in Italia e all’estero, la conoscenza della vita e delle opere di Ovidio. 

La legge ha disposto l’istituzione di un Comitato promotore delle celebrazioni ovidiane, presieduto dal Presidente del Consiglio dei ministri, composto dal ministro per i Beni e le attività culturali e dal ministro dell’Istruzione, dell’università e della ricerca, dal presidente della regione Abruzzo, dal sindaco del comune di Sulmona, dal presidente del consiglio di amministrazione della Dmc (Destination Management Company) Terre d’amore in Abruzzo, e da tre personalità di chiara fama della cultura e letteratura latina, esperti della vita e delle opere di Ovidio, nominati entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore della legge, con decreto del Ministro per i beni e le attività culturali, di concerto con il Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca. 

La legge ha previsto inoltre, la costituzione di un Comitato scientifico, composto da non più di dieci personalità di chiara fama della cultura e letteratura latina, esperti della vita e delle opere di Ovidio, responsabile delle iniziative da realizzare ai fini delle celebrazioni. 

Leggi anche:

Franceschini: con bimillenario ovidiano proseguono celebrazioni delle grandi ricorrenze

Anno ovidiano, Vacca (M5S): provvedimento è “figlio di un santo in paradiso”

Camera, quella presunta sanatoria edilizia nascosta nelle celebrazioni di Ovidio

Rispondi