siae musica“Sul diritto d’autore, che ci piaccia o no, non c‘è più il monopolio. Dobbiamo ragionare, e lo faremo insieme con il sottosegretario Crimi, per superare la situazione di monopolio della Siae”. Così il ministro dei Beni culturali Alberto Bonisoli, davanti alle Commissioni Cultura riunite di Camera e Senato.

“Bisogna ricordarci in un futuro – spiega Bonisoli – che qualsiasi soggetto che si occupi di diritto d’autore dovrebbe avere uguali oneri e onori. Se ci sarà un’alternativa alla Siae dovrebbe avere la stessa capillarità sui territori per quanto riguarda i controlli”. “In ogni caso – prosegue il ministro dei Beni culturali – è un’opportunità. Dobbiamo trovare delle soluzioni coerenti con la prassi industriale e l’attività economica e prendere atto di quello che c’è”.

“Ci stiamo lavorando con Vacca e Crimi – conclude Bonisoli -. Probabilmente la soluzione è quella già fatta in passato quando è stato superato il monopolio delle Poste e delle Ferrovie. Una delle soluzioni potrebbe essere anche separare le funzioni: un solo soggetto fa i controlli a livello capillare per tutti, altri gestiscono i diritti”.

Leggi anche:

Bonisoli: ripensare le domeniche gratuite, giovedì riunione con i direttori dei musei

Bonus cultura, Bonisoli: oggi in Cdm l’ok per il 2018, ma dal 2019 si cambia “in maniera pesante”

Cultura, Bonisoli: molto positivo lavorare con parlamentari che hanno passione

Mibac, Bonisoli: nel 2019 concorso per 2000 assunzioni

Rispondi