prima guerra mondiale FriuliLa Direzione generale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio del Mibac ha presentato un bando per l’assegnazione di “Contributi a progetti ed iniziative relativi al patrimonio storico della Prima Guerra mondiale”. L’iniziativa è volta al finanziamento di progetti ed iniziative relativi al patrimonio storico della Prima Guerra mondiale. Le risorse impegnate dalla Direzione generale ammontano a 259.381 euro.

Le richieste di contributo dovranno essere inviate esclusivamente per via telematica all’indirizzo di posta elettronica comitatograndeguerra@beniculturali.it. Il bando indica nel dettaglio gli elementi che dovranno essere presenti nella richiesta e le specifiche necessarie per i progetti di digitalizzazione dei materiali archivistici e librari.

Le iniziative e i progetti per i quali potrà essere richiesto il contributo dovranno rientrare nelle seguenti tipologie, in ordine di priorità: ricognizione e censimento del patrimonio storico della Prima Guerra Mondiale; catalogazione del patrimonio storico della Prima Guerra Mondiale; manutenzione del patrimonio storico della Prima Guerra Mondiale; restauro del patrimonio storico della Prima Guerra Mondiale; valorizzazione del patrimonio storico della Prima Guerra Mondiale.

IL PROCESSO DI SELEZIONE E VALUTAZIONE

La selezione dei progetti si baserà su “precise priorità tecniche per gli interventi sul patrimonio della Prima Guerra Mondiale”. Tutti gli interventi di conservazione e restauro saranno eseguiti nel rispetto della norme del Codice degli appalti. Le Soprintendenze competenti vigileranno sulla corretta esecuzione dei lavori.

I progetti presentati dovranno essere accompagnati dal parere favorevole degli Uffici del Mibac competenti per materia e territorio. Secondo quanto previsto dal Codice dei beni culturali, inoltre, progetti e iniziative dovranno coinvolgere “archeologi, archivisti, bibliotecari, demoetnoantropologi, antropologi fisici, restauratori di beni culturali e collaboratori restauratori di beni culturali, esperti di diagnostica e di scienze e tecnologia applicate ai beni culturali e storici dell’arte, in possesso di adeguata formazione ed esperienza professionale”.

La valutazione dei progetti sarà effettuata dal Comitato Tecnico Scientifico Speciale per il Patrimonio Storico della Prima Guerra Mondiale. Particolare riguardo sarà posto ai progetti che individuino e valorizzino il patrimonio a rischio di distruzione, deterioramento e dispersione. Progetti e iniziative saranno valutati in base alla metodologia seguita per la loro realizzazione, alla loro completezza e al descrizione dettagliata degli strumenti tecnologici. Sarà anche preso in considerazione il coinvolgimento di soggetti pubblici e privati al progetto e il carattere permanente o duraturo dell’esposizione.

La graduatoria, con il relativo punteggio, sarà contenuta in un decreto della DG Archeologia Belle Arti e Paesaggio che verrà pubblicato sul sito del Mibac.

Per approfondimenti:

Bando Prima Guerra Mondiale

Rispondi