L’Italia è il Paese più rappresentato per numero di progetti per il 2018 di “Europa Creativa” cofinanziati dall’EACEA, l’agenzia esecutiva della Commissione Europea per l’istruzione, gli audiovisivi e la cultura.

Europa Creativa è un programma quadro di 1,46 miliardi di euro dedicato al settore culturale e creativo per il 2014-2020, composto dal Programma Cultura, dal Programma Media e da un fondo di garanzia per le industrie culturali e creative. I progetti di cooperazione prendono forma insieme a un partenariato europeo per condividere, muovere idee, opere e artisti in Europa, coprodurre, creare strategie sull’audience development e/o nuovi modelli di business culturale, migliorare le competenze degli operatori culturali, senza dimenticarsi delle nuove tecnologie.

COSTA: RISORSE DEDICATE A EUROPA CREATIVA INADEGUATE

Relatrice del Programma nella Commissione CULT dell’Europarlamento è l’eurodeputata Silvia Costa (Pd), che intervenendo nei giorni scorsi in audizione davanti alle commissioni Cultura di Camera e Senato ha evidenziato che “le risorse dedicate a Europa creativa sono del tutto inadeguate per sostenere i nuovi obiettivi, le nuove linee di azione e l’ampliamento della missione a nuovi obiettivi, tra i quali il pluralismo e la qualità dei media. Sulle risorse – ha chiesto Costa -, si faccia una battaglia comune in europa e spero che lo faccia il ministro Bonisoli ai tavoli europei, noi faremo la nostra parte”.

I PROGETTI ITALIANI

Tra piccola e larga scala sono state selezionate 101 proposte su 530 inviate da 23 paesi europei: 84 per la piccola scala e 17 per larga scala. Il budget totale stanziato per entrambe le categorie è di 41.454.101,07 euro. In aumento del 25% rispetto ai progetti cofinanziati nel 2017.

L’Italia avrà complessivamente 16 progetti cofinanziati. Tredici per la piccola scala per un totale di 2.528.618,40, euro. Tre per la larga scala, per complessivi 5.152.723,32 euro

Considerando il numero di project leader e partner, l’Italia rimane il paese più rappresentato con 48 associazioni coinvolte nei progetti.

Il Ministero per i Beni e le Attività culturali coordina sin dal 2014 “Desk Italia”, che si occupa di assistenza tecnica gratuita, promozione online e offline, eventi e studi sul programma e le politiche culturali europee.​

Leggi anche:

Europa Creativa, Italia prima per progetti di cooperazione cofinanziati da call 2018

Europa Creativa, da comm. Cultura Camera apprezzamento per audizione Costa

Europa Creativa, Bonisoli: come governo c’è tutta la disponibilità a lavorare fianco a fianco

Camera, Silvia Costa: Sulle risorse per la cultura si faccia una battaglia comune in Europa

Rispondi