“Sono molto stupito dal livello di distrazione dei tanti deputati e senatori che hanno potuto ascoltare l’intenzione di cambiare le politiche di accesso gratuito nei musei dalla mia viva voce, quando ho illustrato alle commissioni cultura le linee programmatiche del mio mandato”. Lo ha dichiarato il ministro per i beni e le attività culturali, Alberto Bonisoli, nel corso della presentazione delle epistole leopardiane acquisite per la biblioteca nazionale di Napoli.

“Forse si tratta di un segno dei tempi: nessuna reazione allora quando ci siamo confrontati di persona, un profluvio di voci critiche oggi di fronte a un semplice annuncio. Io sono abituato a sentire le diverse opinioni e poi a dire quello che penso”.

“Ho ascoltato i direttori esprimersi riguardo le domeniche gratuite, registrando un’opinione unanime sulla necessità di superarle. Per questo motivo ci stiamo orientando nella decisione di andare oltre le domeniche gratuite, che di fatto verranno abolite”.

“I direttori avranno maggiore libertà di decidere dove e quando introdurre delle gratuità e ciò potrebbe avvenire in maggior misura di quanto successo in passato, ma in modo intelligente”.

“Le domeniche gratuite non tengono conto né della stagionalità, né dell’afflusso nelle diverse aree geografiche. Un sistema che tratta allo stesso modo situazioni differenti e che è stato criticato dagli stessi direttori dei musei”, ha concluso Bonisoli.

Leggi anche:

Domeniche gratuite, critiche dal Nazareno: non abolirle, avvicinare alla cultura è virtuoso

Domeniche gratuite, Franceschini: Chiedo a Bonisoli di ripensarci

Domeniche gratuite musei, da settembre maggiore autonomia per i direttori

Bonisoli: ripensare le domeniche gratuite

Rispondi