Gianni Maritati Azioni e prefazioniS’intitola “Azioni e prefazioni. In viaggio con i libri: 2002-2018” il nuovo libro del giornalista Rai Gianni Maritati, pubblicato da Cultura e dintorni editore. E’ un compendio di prefazioni, recensioni e brevi saggi scritti dal 2002 ad oggi dall’autore su sillogi poetiche, libri di racconti, romanzi e saggi.

Perché questo titolo? “Una buona prefazione – spiega l’autore – dovrebbe spingere ad una buona azione: leggere. Che vuol dire mille cose: informarsi meglio, esercitare e sviluppare il proprio senso critico, arricchire la propria cultura, lasciarsi trasportare dalle emozioni, vivere avventure ad occhi aperti, confrontarsi con autori e mondi diversi, anche lontani, reali o fantastici. Ma anche abbracciare un ideale, suscitare o sciogliere un dubbio importante, cambiare condotta, capire i propri malesseri, trasformare completamente la propria vita. I libri ci aiutano a scoprire che non si vive senza un tocco di magia o di sana follia. Accompagnano l’armoniosità della nostra crescita, spiegano o addirittura guariscono le nostre nevrosi. Sono una Hollywood di carta. Sono sentinelle della memoria. E fanno la differenza fra civiltà e barbarie”.

Dunque, un libro concepito come una scatola magica, che invita ad altre letture. Un viaggio nella letteratura italiana, da Grazia Deledda ai contemporanei: Sandro Capodiferro, Bice Sabatini, Cinzia Baldini, Mario Rosati, Michele Gentile, Monia Iori, Pierluigi Califano, Monica Cardarelli, Giusella De Maria, Ruggero Pianigiani, Monica Baldacchino, Andrea Cangialosi, Michele Zefferino, Giusy Amato, Simona Esposito, Silvia Grassi e Gianluca Cavino, Claudio Cianfaglioni, Maria Capizzi, Renzo Pallotta, Pino Rampolla, Francesca Faiella, Raffaele Iaria, Leonardo Villeggiante, Claudio Scaramella, Caterina Dini e Lucia Battaglia, Sergio Leoni, Nunziante Valoroso, Alfonso Ottomana, Beatrice Mezzone, Nadia Tomasetta, Luca Carbonara.

“Aggiungo due persone per me indimenticabili – scrive l’autore nella Prefazione alle prefazioni – che sono il vescovo rosminiano Clemente Riva e la giovane artista e poetessa Alessia Bellofatto”.

Tra le prefazioni, quelle per gli autori che hanno partecipato al quarto Concorso nazionale letterario “500 parole”, promosso dall’Associazione Spazi all’Arte, alla terza edizione de “La Rocca dei Poeti”, festival internazionale di Ostia Antica ideato e promosso da Michele Gentile, all’Antologia artistico-letteraria dei “Persi” (curata da Daniela Cococcia) e all’ottava edizione del Concorso letterario “La Rosa d’Oro” di Acquapendente (curata da Umberto Coro).

L’AUTORE

Giornalista Rai, presidente dell’Associazione culturale Clemente Riva e direttore della Festa del libro di Ostia, nata su impulso dell’Associazione stessa nel 2010. Cura una Newsletter settimanale di cultura e spettacolo, “Prisma”. Fra i suoi libri: “La teoria del quarto nonno” (Masciulli editore), “Cristiani contro. I grandi ‘dissidenti’ della letteratura italiana da Iacopone a Umberto Eco” (Tau editrice), “Emozioni su Topolino. Il mondo Disney e i suoi valori da Biancaneve a Oceania” (Apl), la trilogia di Atti unici ispirati all’Antico Testamento “Palcoscenico Bibbia” (Apl). Con Fabrizio Condò ha scritto “Clemente Riva. Vescovo del dialogo” (Edizioni Rosminiane, 2000).

Rispondi