Verona ArenaIl Comune di Verona ha avviato una procedura aperta telematica per l’appalto del primo lotto (Parte A) relativo agli interventi per la conservazione, valorizzazione e fruizione dell’Anfiteatro Romano “Arena di Verona”. L’importo a base d’asta è di 939.442,21 euro. Le offerte dovranno essere presentate entro il 31 agosto 2018.

Questa prima tranche di lavori si inserisce nel quadro di interventi complessivi per un importo pari a 14 milioni di euro che permetteranno di realizzare la Sigillatura delle gradinate dell’intera cavea, il Rifacimento degli impianti elettrici, speciali di sicurezza ed antincendio, l’Impianto elettrico di illuminazione scenografico esterno, l’Impianto idrico antincendio, il Rifacimento servizi igienici, il Restauro conservativo delle gallerie e di parte degli arcovoli interni, il Riordino spazi in uso a Fondazione Arena, la Riqualificazione museale e, infine, di realizzare attività di Promozione, pubblicità e convegni.

Nel 2016, attraverso l’Art Bonus, sono stati raccolti fondi per un totale di 9 milioni di euro (7 ricevuti da Unicredit e 2 da Fondazione CariVerona). Il Comune di Verona ha intrapreso negli anni studi e progetti finalizzati alla conservazione del manufatto, evidenziando la necessità degli interventi per i quali è stato chiesto il contributo attraverso l’Art Bonus.

L’ARENA DI VERONA

Costruita fuori dalle mura intorno alla prima metà del I sec. d.C., l’Arena è un anfiteatro “a struttura cava” e pianta ellitica (poteva ospitare fino a 30.000 spettatori). Oggi si colloca nel centro storico della città, di cui è il simbolo. Dopo innumerevoli traversie, dal 1913 è diventato uno dei più grandi teatri lirici all’aperto del mondo (fino a 15.000 posti).

Approfondimenti:

Consulta la documentazione di gara

Rispondi