Museo navale AlbengaIl Mibac assuma ogni iniziativa per tutelare il patrimonio dei beni culturali custodito nel Museo Navale di Albenga. Lo chiede il deputato di Forza Italia Giorgio Mulé in un’interrogazione indirizzata al Collegio Romano.

Nel corso di un sopralluogo dei consiglieri di minoranza, avvenuto l’11 luglio 2018, presso il palazzo comunale Peloso Cepolla, sede del Museo navale, spiega Mulé, “non è stato consentito l’accesso alle sale espositive”. “Da circa due anni, e precisamente da quando la gestione dei Musei Ingauni è stata affidata dal comune alla Fondazione Oddi (interamente partecipata dall’ente comunale), queste sale restano chiuse non solo al pubblico dei visitatori, ma anche all’amministrazione comunale che ne è legittima proprietaria”.

Da quanto risulta al deputato, “sarebbe stato riferito ai consiglieri comunali da soggetti terzi circa la possibilità che alcuni reperti comunali e statali conservati possano di fatto non essere più presenti all’interno del palazzo comunale Peloso Cepolla, sede del Museo navale. Come detto, si è registrato però un diniego ai consiglieri comunali ad accedere per la doverosa verifica”.

Rispondi