San Gimignano ToscanaUna dotazione di 2,5 mln di euro per dare sostegno alla fase di avvio degli ambiti territoriali e dei prodotti turistici omogenei previsti dal nuovo Testo Unico in materia di turismo. Lo prevede una delibera approvata dalla giunta regionale toscana nell’ultima seduta.

“Le risorse – dice l’assessore regionale al turismo Stefano Ciuoffo – fanno parte del piano promozionale 2018 e saranno impiegate sostanzialmente per costruire un sistema coordinato per la gestione della rete regionale di informazione e accoglienza sul territorio, avviare e implementare i servizi per l’organizzazione dell’offerta turistica locale e realizzare un Destination Management Plan. Ambiti omogenei e prodotto turistico omogeneo sono due importanti novità introdotte dalla nuova legge, due strumenti creati per favorire aggregazioni tra più comuni, mettere in risalto le specificità di determinate zone. Più in generale sono modalità innovative per programmare le attività promozionali e costruire servizi ad hoc per i visitatori”.

La delibera stabilisce che l’avviso pubblico sarà curato da Toscana Promozione Turistica la quale dovrà anche provvedere ad aggiornare il proprio Programma operativo 2018 per riformulare attività e risorse già previste e finalizzarle in modo più puntuale all’avvio ed al sostegno degli ambiti territoriali e dei Prodotti turistici omogenei. Inoltre indica i soggetti beneficiari dell’intervento, ovvero i comuni che abbiano stipulato la convenzione per la gestione associata delle funzioni di accoglienza e informazione turistica con Toscana Promozione, e la ripartizione delle risorse secondo i seguenti parametri: quota fissa per ogni ambito territoriale costituito pari a 85 mila euro; per il prodotto turistico omogeneo già costituito viene destinata una risorsa pari a 120 mila euro ed ogni comune capofila delle aggregazioni potrà ricevere al massimo 30 mila euro.

Tra le principali funzioni e attività previste per lo start-up: costruzione della gestione turistica della destinazione; sviluppo di sinergie e forme di cooperazione fra soggetti pubblici e privati; pianificazione della gestione coordinata del sistema di informazione e accoglienza turistica sul territorio; ricerca e condivisione dei fattori di specificità dell’ambito e la definizione delle strategie per lo sviluppo dei prodotti turistici dell’ambito; la gestione dei flussi informativi e dell’accoglienza turistica; l’eventuale elaborazione di un Destination Management Plan che definisca le linee strategiche per la gestione della destinazione turistica, attraverso l’individuazione di una visione ed obiettivi condivisi tra tutti gli attori territoriali, l’identificazione di precise azioni e delle necessarie risorse organizzative e finanziarie, sia in termini di strumenti che di analisi dei risultati.

Ciascun ambito potrà presentare solo una domanda di contributo che coprirà interamente la spesa complessivamente ammessa, sostenuta e rendicontata. L’avviso sarà pubblicato sul sito di Toscana Promozione Turistica e trasmesso direttamente via PEC agli ambiti, sia a quelli già costituiti in contemporanea alla pubblicazione che a quelli che si costituiranno successivamente alla pubblicazione al momento della costituzione. Le domande di contributo insieme alla relazione illustrativa dovranno essere presentate dal soggetto capofila della gestione associata a Toscana Promozione Turistica entro 90 giorni dalla costituzione dell’ambito o del prodotto.

Leggi anche:

Tutela centro storico, firmata intesa tra Regione Toscana e Comune di Lucca

Rispondi