cinematografia cinema

Sono diciotto i film classificati dal Ministero dei Beni culturali come “film d’essai”. Le attribuzioni sono quelle del 25 luglio e del 31 luglio e sono state pubblicate sul sito della Direzione Generale Cinema del Mibac lo scorso 7 agosto.

Su diciotto, due sono di nazionalità italiana. La qualifica di “film d’essai” può essere riconosciuta a film italiani e stranieri, su richiesta presentata dall’impresa di produzione o di distribuzione del film o su segnalazione delle associazioni nazionali di categoria o Enti di promozione della cultura cinematografica. La qualifica di film d’essai è attribuita automaticamente ai film distribuiti nelle sale italiane che abbiano partecipato a festival e premi di rilevanza internazionale.

I FILM

Le attribuzioni del 25 luglio sono:
ESTATE 1993 di Carla Simon – SPAGNA
FOTOGRAF di Irena Pavlásková – REPUBBLICA CECA
LA BELLA E LE BESTIE di Khaled Walid Barsaoui, Kaouther Ben Hania – FRANCIA
LA TRUFFA DEL SECOLO di Olivier Marchal – FRANCIA
L’ALBERO DEL VICINO di Hafsteinn Gunnar Sigurösson – ISLANDA
LE MEMORIE DI GIORGIO VASARI di Luca Verdone – ITALIA
STRONGER – IO SONO PIÙ FORTE di David Gordon Green – USA
UNA LUNA CHIAMATA EUROPA di Kornél Mundruczó – UNGHERIA
UNSANE di Steven Soderbergh – USA

Le attribuzioni del 31 luglio vanno invece ai seguenti film:
BALON di Pasquale Scimeca – ITALIA – (ARBASH SCARL)
CINEMA NOVO di Eryk Rocha – BRASILE – (CINECLUB INTERNAZIONALE DISTRIBUZIONE DI PAOLO V. MINUTO)
DAWSON CITY: IL TEMPO TRA I GHIACCI di Bill Morrison – USA – (FONDAZIONE CINETECA DI BOLOGNA)
FOXTROT di Samuel Maoz – FRANCIA, GERMANIA – (ACADEMY TWO S.R.L.)
IL GRUFFALÒ di Jacob Schuh e Max Lang – UK – (FONDAZIONE CINETECA DI BOLOGNA)
L’AFFIDO – UNA STORIA DI VIOLENZA di Xavier Legrand – FRANCIA – (NOMAD FILM DISTRIBUTION S.R.L.)
PARIGI A PIEDI NUDI di Dominique Abel – FRANCIA – (ACADEMY TWO S.R.L.)
THE CONSTITUTION-DUE INSOLITE STORIE D’AMORE di Rajko Grlic – CROAZIA – (CINECLUB INTERNAZIONALE DISTRIBUZIONE DI PAOLO V. MINUTO)
TOGLIMI UN DUBBIO di Carine Tardieu – FRANCIA – (ACADEMY TWO S.R.L)

QUALIFICA DI FILM D’ESSAI

Il decreto ministeriale 304/2017, attuativo delle disposizioni della Legge Cinema (L. 220/2016), ha introdotto disposizioni applicative in materia di programmazione di film d’essai. La Legge Cinema aveva stabilito che con il termine “film d’essai” – ovvero “film di ricerca e sperimentazione” – si dovessero intendere “i film di qualità, aventi particolari requisiti culturali ed artistici idonei a favorire la conoscenza e la diffusione di realtà cinematografiche meno conosciute, nazionali e internazionali, ovvero connotati da forme e tecniche di espressione sperimentali e linguaggi innovativi”.

Il decreto attuativo ha poi specificato che sono considerati d’essai i film che presentano “spiccati elementi di ricerca o di sperimentazione riconoscibili nel linguaggio cinematografico, nell’impianto e nella struttura narrativa, nell’uso delle fonti e nelle tecniche di ripresa ovvero di montaggio, nel rapporto fra contenuti narrativi e contenuti documentaristici ovvero fra contenuti ripresi con tecniche tradizionali e contenuti realizzati con tecniche digitali, nelle modalità di produzione, realizzazione e distribuzione”. Si aggiungono i film d’archivio, quali film aventi valore storico e culturali conservati nelle cineteche pubbliche.

La richiesta di attribuzione della qualifica viene presentata dall’impresa di produzione o di distribuzione o può essere segnalata dalle associazioni nazionali di categoria o Enti di promozione della cultura cinematografica. È prevista l’attribuzione automatica per i film distribuiti nelle sale italiane che abbiano partecipato a festival e premi di rilevanza internazionale. Il Direttore Generale Cinema provvede a decretare l’attribuzione entro trenta giorni dalla richiesta.

Approfondimenti:

Attribuzioni del 25 luglio

Attribuzioni del 31 luglio

Rispondi