Nuovo disegno di legge al Senato per l’Istituzione della Fondazione del Museo nazionale di psichiatria del San Lazzaro di Reggio Emilia. A presentarlo la senatrice dem Vanna Iori, relatrice nella passata legislatura di una proposta di legge analoga presentata alla Camera da Maino Marchi (Pd).

Nella passata legislatura il provvedimento ha ricevuto il via libera della commissione Cultura della Camera (in sede referente) il 17 ottobre, con mandato alla relatrice di riferire in Aula, dove però il testo non è mai arrivato a causa della fine della legislatura.

“È da molto tempo che si pone la valenza culturale della questione della conservazione e della valorizzazione del patrimonio architettonico, storico e documentale degli ex Istituti psichiatrici San Lazzaro di Reggio Emilia” spiega la Iori. “Attraverso la realizzazione del Museo, la Fondazione di cui si propone l’istituzione avrebbe tra i suoi scopi quello di conservare e valorizzare il suddetto patrimonio”.

“Si tratta – spiega la senatrice dem – di un patrimonio immenso e originale, che attrae visitatori e studiosi da ogni parte del mondo e che non può andare disperso e si presta a costituire un Museo nazionale della psichiatria, unico nel nostro Paese”.

IL DISEGNO DI LEGGE

Il disegno di legge prevede che il Mibac, la regione Emilia-Romagna, i comuni di Modena e Reggio Emilia e gli altri comuni di tali province che intendano aderirvi, nonché l’azienda unità sanitaria locale di Reggio Emilia costituiscono la Fondazione del Museo nazionale di psichiatria San Lazzaro di Reggio Emilia.

La Fondazione persegue le seguenti finalità:

a) conservare e valorizzare nella propria struttura museale, che assume la qualifica di Museo nazionale, il patrimonio storico e documentale degli istituti psichiatrici San Lazzaro di Reggio Emilia costituito dalla biblioteca, dall’archivio, dagli strumenti di contenzione e terapia, dai laboratori scientifici e iconografici, dai manufatti, dall’archivio video e fotografico e dall’archivio iconografico degli ex ricoverati;

b) promuovere e curare ricerche, pubblicazioni e ogni altra opportuna iniziativa culturale, dirette alla conoscenza della storia della psichiatria e degli istituti di cura, compresi gli ospedali psichiatrici giudiziari e le nuove strutture sanitarie regionali che li sostituiscono, con particolare riferimento agli aspetti scientifici e sociali nonché al rapporto con le comunità territoriali;

c) coordinare la rete nazionale degli enti locali e delle aziende sanitarie locali sedi degli istituti psichiatrici

Per quanto riguarda la copertura finanziaria, la spesa prevista è pari a 500mila annui a decorrere dall’anno 2018, a cui si provvederà mediante corrispondente riduzione dell’autorizzazione di spesa prevista dalla legge di stabilità 2016 (“Per il funzionamento degli Istituti afferenti al settore museale, a decorrere dall’anno 2016, e’ autorizzata la spesa di 10 milioni di euro annui da iscrivere nello stato di previsione del Mibac”).

Il ddl prevede infine che l’anno 2019, nel quale ricorre il quarantesimo anniversario dall’entrata in vigore della legge “Basaglia”, è dedicato alla salute mentale.

Per approfondimenti:

Istituzione della Fondazione del Museo nazionale di psichiatria del San Lazzaro di Reggio Emilia

Leggi anche:

Museo di psichiatria, dalla VII commissione mandato alla relatrice di riferire in Aula

Museo psichiatria, approvato emendamento relatrice: spese Fondazione scendono a 500mila euro annui

Ospedale psichiatrico Reggio Emilia, relatrice Camera propone emendamento che riscrive pdl

Rispondi