Bandi Gare Gazzetta ufficialeIl Comune di Bagno a Ripoli in Toscana ha pubblicato una manifestazione di interesse per l’individuazione di soggetti privati disposti a coprogettare un intervento di rigenerazione urbana da presentare al bando “Spazi attivi” indetto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze. Le società, imprese, associazioni, soggetti del Terzo Settore che intendano partecipare alla presente manifestazione d’interesse dovranno presentare la domanda entro il 3 settembre 2018. La documentazione richiesta dovrà essere inviata, corredata dagli allegati richiesti, all’indirizzo di posta elettronica certificata comune.bagno-aripoli@postacert.toscana.it.

Il Comune di Bagno a Ripoli è da anni impegnato in processi e interventi di recupero, valorizzazione e rigenerazione di Beni di interesse storico ed artistico di proprietà pubblica. In una logica di tutela dinamica dei suddetti beni l’Amministrazione ha attivato progetti di fundraising presso Istituzioni Pubbliche e Fondazioni Private anche con il coinvolgimento di soggetti privati, in una logica di coprogettazione e successiva co-gestione degli interventi proposti.

Il bando della Cassa di Risparmio di Firenze finanzia interventi “innovativi di rigenerazione, recupero, riuso e riattivazione di spazi fisici già esistenti, al chiuso o all’aperto, da utilizzare per funzioni e progettualità durevoli e sostenibili, di tipo sociale, culturale e creativo. I progetti in questione dovranno configurarsi come veri e propri percorsi di rigenerazione di spazi fisici, ridisegnando il profilo produttivo ed urbano degli insediamenti coinvolti e scommettendo sulla creatività come volano in grado di produrre e accelerare ricadute produttive ed economiche sul tessuto delle comunità locali, e quindi nuove funzioni sociali ed urbane [… ] Le proposte progettuali pervenute per essere considerate ammissibili dovranno contemplare azioni e interventi di manutenzione, adeguamento, ristrutturazione e ri-funzionalizzazione di spazi fisici esistenti, […] urbani o periferici, aperti, abbandonati o parzialmente utilizzati. Tali interventi dovranno essere finalizzati ad attivare servizi, programmi e iniziative di tipo sociale, culturale, educativo e creativo che, attraverso la rigenerazione, il recupero, il riuso o la riattivazione dello spazio identificato, si propongano di mettere questi luoghi a disposizione della più ampia collettività. Sono esclusi, pertanto, progetti finalizzati alla sola ristrutturazione di spazi o progetti che prevedano solo interventi sociali, culturali o creativi non inseriti nella rigenerazione dello spazio fisico”.

Approfondimenti:

Leggi la documentazione di gara

Rispondi