mibac-ministero cultura

L’area “Quartiere Giardino” di Marghera, nel Comune di Venezia, è stata dichiarata di notevole interesse pubblico con decreto del Mibac. La dichiarazione di notevole interesse pubblico è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 21 agosto scorso.

Il decreto si basa sulle disposizioni del Codice dei beni culturali e del paesaggio. La dichiarazione di interesse culturale è il provvedimento che riconosce l’interesse culturale dei beni mobili o immobili. Il procedimento è avviato dal Soprintendente competente per territorio e materia che ne dà comunicazione al proprietario, possessore o detentore del bene oggetto della procedura. Il Soprintendente cura la fase istruttoria del procedimento.

Il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 171/2014 – “Regolamento di organizzazione del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo” – ha istituito la Commissione regionale per il patrimonio culturale. Essa, tra le altre funzioni assegnatele, dichiara, su proposta delle competenti Soprintendenze di settore, l’interesse culturale delle cose, a chiunque appartenenti.

Il testo integrale del decreto è pubblicato sul sito del Segretariato regionale del Mibac per il Veneto all’indirizzo www.veneto.beniculturali.it.

IL PERCORSO DI DICHIARAZIONE DI INTERESSE PUBBLICO

La richiesta per la dichiarazione di interesse pubblico dell’area giunge dopo trent’anni di iter. Essa venne consegnata originariamente nel 1939. La richiesta partiva dal presupposto che l’area “costituisce un insieme caratteristico del Novecento che testimonia una fase significativa della storia della città e delle teorie urbanistiche, costituendo un paesaggio urbano di notevole interesse per i suoi caratteri d’insieme e delle sue singole parti”. Secondo la Giunta Regionale, però, l’area risultava “compresa all’interno del Piano di Area della Laguna e dell’area Veneziana (PALAV) che prevede già la tutela (…)”. Per questo si era deciso di non dichiararla sottoposta a tutela come area distinta da quella che la racchiudeva.

Il processo, però, non si è arrestato davanti ai primi ostacoli. Il “Quartiere Giardino” è, infatti, un’area – come si legge nel decreto – da sempre sottoposta a tutela paesaggistica, come comunicato dalla Soprintendenza archeologia belle arti e paesaggio per il Comune di Venezia e laguna (…), dall’epoca. “Permangono”, infatti, “nella medesima i valori paesaggistici riconosciuti dalla suindicata proposta di dichiarazione di notevole interesse pubblico”. Inoltre, “l’area ricade nella buffer zone del sito denominato «Venezia e la sua laguna», inserito nella lista del patrimonio UNESCO nel 1987”.

Lo scorso 16 luglio, infine, il Comitato tecnico scientifico per il paesaggio, trasmettendo una nota alla Direzione generale archeologica, belle arti e paesaggio, si è espresso favorevolmente “in merito alla fondatezza, sotto il profilo tecnico-scientifico, delle motivazioni poste alla base della proposta dichiarazione di notevole interesse pubblico in argomento ed al perfezionamento della relativa procedura”.

Approfondimenti:

Dichiarazione di interesse pubblico del “Quartiere Giardino” di Marghera

Rispondi