“È allarme degrado al Foro Romano”. A dichiararlo è il senatore Francesco Giro già sottosegretario ai Beni Culturali dal 2008 al 2011 nell’ultimo governo Berlusconi. “Profittando dell’ultima domenica gratuita – aggiunge Giro – sono andato al Foro Romano anche per verificare i lavori di messa in sicurezza del tetto collassato alla chiesa di San Giuseppe dei Falegnami e mi accorgo dello straordinario degrado in particolare nell’area esterna alla Curia Iulia e in quella prospiciente dei rostri, del comizio e del Lapis Niger ma soprattutto della Casa delle Vestali”.

“La Dimora delle Vestali venne integralmente restaurata nel 2011 grazie al nostro governo. Ma oggi a soli 7 anni di distanza è in uno stato pietoso con il giardino, le vasche, i sedili, le statue, i marmi e i pavimenti abbandonati nel degrado e nell’incuria. Erbacce ovunque nel giardino, acqua putrida nei tre bacini centrali, pavimenti sconnessi e le famose rose intorno alle vasche centrali, volute nei primi del 900 da Giacomo Boni, incolte e praticamente invisibili per l’erba infestante. Uno spettacolo deprimente nonostante i luoghi resistano all’inciviltà dell’uomo per la loro bellezza millenaria”.

“Ho tutto documentato sul mio profilo Facebook dove ho anche postato le foto dopo l’intervento del 2011. E resto anche esterrefatto se penso che all’interno della Curia del Senato organizzavamo mostre spettacolari pur di mostrarla al pubblico e ora questo luogo così significativo per la nostra storia è sequestrato da un groviglio di reti metalliche. Franceschini con la sua riforma non ha fatto altro che certificare il totale disinteresse della sinistra per la tutela del nostro patrimonio, tutta concentrata com’era ad occupare poltrone e a distribuire privilegi e contratti a manager di cui ancora oggi ignoriamo i veri risultati”conclude Giro.

Leggi anche:

Unesco, Giro: Su Ostia Antica patrimonio mondiale FI pronta ad appoggiare M5S

Cultura, Giro (FI): Smantellare riforma Franceschini e rimandare a casa i direttori stranieri

Rispondi