Si è aperta, alla presenza dell’assessore regionale alla Cultura e al Turismo, Antonella Parigi, la visita di una delegazione della provincia cinese di Shanxi. Tale delegazione, guidata dal direttore generale per la cultura della città di Yangquan, Zhag Lijun, è composta da altri tre rappresentanti delle istituzioni locali: obiettivo del loro viaggio è approfondire la conoscenza del sistema culturale piemontese e di avviare un dialogo con le istituzioni culturali per future collaborazione, in particolare nell’ambito dei beni culturali e delle arti performative.
L’Assessorato regionale alla cultura, in collaborazione con la Fondazione Torino Musei, ha quindi organizzato due giornate di visita e due incontri con i rappresentanti del sistema culturale, con l’obiettivo di illustrare caratteristiche e punti di forza del sistema culturale cittadino e regionale.

“La visita della delegazione di Shanxi di questi giorni è un’occasione per avviare un dialogo tra i rappresentanti locali e le nostre istituzioni e poter programmare in futuro importanti scambi sul piano della ricerca e delle esposizioni – dichiara Antonella Parigi, assessore regionale alla Cultura e al Turismo – Un’iniziativa che, d’altra parte, ben si integra con le attività di promozione turistica che abbiamo intrapreso negli scorsi mesi, anche all’interno di programmi europei”.

Tra il Piemonte e il territorio dello Shanxi, provincia della Cina del Nord, sono d’altronde già stati avviati alcuni scambi culturali: in particolare il Museo Egizio ha concluso a giugno, nella città di Taiyuan, la seconda tappa della mostra “Egypt. House of Eternity”, esposizione itinerante con oltre 200 reperti della collezione torinese che coinvolgerà nei prossimi mesi altre tre località in Cina.
Inoltre domani, giovedì 6 settembre, la Fondazione Torino Musei firmerà un Memorandum di cooperazione con il Dipartimento di Cultura della Municipalità di Yangquan: l’accordo quadro intende favorire lo sviluppo della collaborazione tra le rispettive istituzioni culturali, promuovendo progetti di ricerca, mostre e attività di formazione con lo scopo di facilitare lo scambio di esperienze e competenze, incoraggiare il dialogo interculturale e valorizzare il patrimonio storico-artistico anche nell’ottica di una reciproca promozione turistica.

A partecipare agli incontri in rappresentanza del mondo culturale regionale sono stati, la Fondazione Piemonte dal Vivo, il Teatro Regio, il Teatro Stabile di Torino, la Fondazione TPE, Cirko Vertigo, la scuola di circo Flic, la Scuola di Alto Perfezionamento Musicale di Saluzzo, l’Accademia Perosi di Biella, l’Accademia Albertina di Torino, il Consorzio delle residenze reali sabaude, il Centro conservazione e restauro La Venaria Reale, i Musei Reali, il Museo Egizio, il Museo del Cinema e il Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea.

Leggi anche:

Mibac, Cina chiama Italia per la difesa del patrimonio archeologico

Rispondi