Parlamento europeo“Il Parlamento europeo ha sfruttato l’occasione per votare a favore della Direttiva sul diritto d’autore con una differenza di quasi 200 voti. La Direttiva fornirà finalmente gli strumenti per garantire l’equa remunerazione richiesta dai creatori di contenuti”. GESAC, l’European Grouping of Societies of Authors and Composers, commenta il voto del Parlamento europeo sulla direttiva Copyright e ringrazia “i molti deputati che hanno lavorato instancabilmente negli ultimi mesi e anni, lottando contro la disinformazione e non piegandosi alle enormi pressioni dai giganti della tecnologia”.

La Direttiva passa ora al dialogo a tre tra Parlamento, Commissione e Consiglio: GESAC è fiduciosa che questo processo “porterà a un risultato positivo e che metterà fine in modo definitivo al trasferimento di valore che ha caratterizzato il rapporto tra cultura e giganti della tecnologia negli ultimi anni”.

Anders Lassen, presidente di GESAC, ha dichiarato: “Oggi è una vittoria per l’Europa e la sua indipendenza da alcuni giganti della tecnologia che hanno approfittato di una legislazione obsoleta per consolidare ulteriormente il loro predominio dannoso e per sottrarre valore all’Europa e ai creatori di contenuti del vecchio continente”.

Véronique Desbrosses, direttore generale di GESAC, ha concluso: “Si tratta di una grande vittoria politica per gli autori, per la cultura e per la democrazia europea. Il Parlamento Europeo ha scelto di adottare una legislazione equilibrata che andrà a vantaggio dei cittadini, delle imprese, dei creatori di contenuti e dell’Europa nel suo insieme”.

Rispondi