Musei Rome Museum ExhibitionIn arrivo a Roma a fine novembre la prima edizione di RO.Me – Museum Exhibition, manifestazione sui musei, sui luoghi e le destinazioni culturali. L’evento è promosso col patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, della Regione Lazio e di Roma Capitale, nell’ambito dell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale. L’appuntamento è dal 29 novembre al 1 dicembre 2018 presso la Fiera di Roma.

GLI ORGANIZZATORI E GLI OBIETTIVI

RO.ME, organizzata da Fiera di Roma e dall’Associazione ISI.urb, si presenta come uno spazio espositivo e di confronto per decision makers, buyers, operatori del settore del patrimonio culturale, università e scuole. Diecimila metri quadri di area espositiva con stand e corner di musei, istituzioni nazionali e locali, fondazioni, associazioni, regioni, concessionari di servizi museali, aziende e professionisti, con l’obiettivo di promuovere mediante incontri, workshop e conferenze, b2b, approfondimenti specialistici, scambio di buone prassi, reti di collaborazione per la valorizzazione e la salvaguardia del patrimonio culturale.

IL PROGRAMMA E IL B2B

Il programma della manifestazione prevede incontri con i principali direttori dei musei, conferenze e iniziative promosse con la Commissione Europea, la Banca Mondiale, le Regioni, l’Anci, la Commissione nazionale Unesco, Icom Italia, Iccrom, Ales SpA, Unioncamere e Camera di Commercio Industria, Agricoltura e Artigianato di Roma, le associazioni che aggregano i musei civici, i musei ecclesiastici, i musei scientifici, i musei d’impresa, l’Associazione Borghi Autentici d’Italia, l’Associazione Città d’Arte e Cultura e le Associazioni di categoria.

RO.ME offre una preziosa occasione di contatto con i direttori dei musei italiani e internazionali e le istituzioni museali, con i più importanti concessionari museali e le imprese del settore e consente di organizzare un business matching con una qualificata platea internazionale di visitatori professionali, buyer e rappresentanti istituzionali, individuata in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, proveniente dall’Europa, Cina, Stati Uniti, Qatar, Emirati Arabi Uniti, Georgia e Azerbaijan.

IL PRIMO INCONTRO NAZIONALE DEI DIRETTORI DEI MUSEI

In tale cornice, la manifestazione si pregia dell’opportunità di ospitare i lavori del primo incontro nazionale dei direttori dei musei promosso dalla Direzione Generale Musei del MiBAC.

IL COMITATO SCIENTIFICO DELLA MANIFESTAZIONE

La manifestazione si avvale di un comitato scientifico, presieduto da Antonia Pasqua Recchia, già segretario generale del MiBAC e composto da autorevoli esperti, accademici e operatori del settore quali: Pietro Antonio Valentino, componente del Comitato scientifico del Parco archeologico del Colosseo, Ludovico Solima, docente di Management delle Imprese culturali presso il Dipartimento di Economia dell’Università della Campania “Luigi Vanvitelli”, Andrea Billi, professore alla Facoltà di Giurisprudenza Università degli Studi di ROMA “La Sapienza”, Rosanna Binacchi, direttore del Servizio Relazioni Internazionali presso il Segretariato Generale del MiBAC, Franco Iseppi, presidente del Touring Club Italiano, Jane Thompson, responsabile dell’Herculaneum Conservation Project per le fondazioni Packard e già membro del Consiglio superiore Beni culturali e Paesaggistici.

I TEMI DELLA MANIFESTAZIONE

I temi al centro della manifestazione sono:

  • Accessibilità, fruibilità e sostenibilità dei musei, dei luoghi e delle destinazioni culturali: infrastrutture, spazi, audience development, fund raising; comunicazione, education, empowerment, indicatori e metodi di valutazione del successo; networking, coesione sociale e partecipazione
  • Sistema museale nazionale: l’attivazione della rete italiana dei musei pubblici e privati, le modalità di accreditamento dei singoli luoghi di cultura, l’adozione degli standard di qualità ai quali ogni struttura deve adeguarsi per poter aderire al Sistema nazionale
  • Industrie creative e culturali (ICC) e patrimonio culturale: frontiera avanzata dello sviluppo per generare innovazione e qualità sociale
  • Comunicazione & heritage interpretation: tecnologie, dispositivi e applicazioni di fruizione immersive e interattive, contenuti per la valorizzazione e la conservazione dei beni culturali
  • Città d’arte, historic landscapes e siti Unesco: esperienze e percorsi di valorizzazione
  • Capitali italiane ed europee della cultura: progetti con al centro lo sviluppo territoriale attraverso la cultura
  • Cammini, borghi, cibo e turismo lento: nuovi itinerari culturali ad alto valore esperienziale
  • Musei minori, tematici e d’impresa: una grande (e inesplorata) risorsa del Paese, storytelling, risorse e progetti per uno sviluppo integrato
  • Anno del Turismo EU-China 2018: progetti di cooperazione per uno sviluppo sostenibile del patrimonio culturale

Approfondimenti:

Consulta il sito della manifestazione

Rispondi