biblioteche digitalizzazione

La Conferenza Stato-Regioni ha designato Sebastiano Maffettone, della Regione Campania, come componente del Comitato di Gestione dell’Istituto Centrale per il Catalogo Unico delle Biblioteche Italiane e per le Informazioni Bibliografiche (ICCU). La Conferenza ha acquisito la designazione di Maffettone, della Regione Campania, nel corso della riunione del 13 settembre.

Lo scorso 3 agosto, la Direzione Generale Biblioteche e Istituti culturali del Mibac aveva comunicato la scadenza del primo mandato del componente designato dalla Conferenza Stato-Regioni. Nella comunicazione, si era specificata la possibilità di una conferma della nomina. Sebastiano Maffettone aveva ricevuto la nomina a componente del Comitato già nel 2015 e vede ora riconfermata la designazione.

L’ISTITUTO CENTRALE PER IL CATALOGO UNICO

L’ICCU è uno degli Istituti centrali dotati di autonomia speciale del Ministero dei Beni culturali. Esso gestisce il catalogo online delle biblioteche italiane e il servizio di prestito interbibliotecario e fornitura documenti. L’Istituto cura i censimenti dei manoscritti e delle edizioni italiane del XVI secolo e delle biblioteche su scala nazionale. Elabora, inoltre, standard e linee guida per la catalogazione e la digitalizzazione. Nella sua attività, l’Istituto collabora con le Regioni e le Università al servizio delle biblioteche, dei bibliotecari e dei cittadini.

All’interno dell’Istituto opera il Comitato di Gestione dell’Istituto, nominato dal Direttore Generale Biblioteche e Istituti Culturali. Il Comitato risulta composto dal Direttore dell’ICCU che lo presiede, da un funzionario preposto all’ufficio di contabilità e bilancio, un funzionario tecnico-scientifico, nominato tra i responsabili dei Servizi o Aree di attività e da un componente designato dalla Conferenza Stato – Regioni scelto tra professori universitari, o altre categorie di esperti nella materia di competenza dell’ICCU.

La partecipazione al Comitato di gestione non dà titolo a compensi, gettoni di partecipazione, indennità o rimborsi di alcun tipo. I componenti durano in carica tre anni con possibilità di essere confermati per una sola volta.

Il Comitato di gestione partecipa all’elaborazione dell’attività di programmazione e svolge funzioni di verifica sull’attuazione del programma, in coerenza con le direttive generali del Ministero e con altri atti di indirizzo.

Approfondimenti:

Atto di designazione

Rispondi