Mibac Fondazioni Cultura Faro

È stata autorizzata, con decreto ministeriale, l’erogazione dei contributi annuali in favore degli istituti culturali. Lo stanziamento favorisce 249 istituti culturali ed ammonta a 2.306.174 euro. Nel provvedimento, è contenuto il dettaglio del piano di ripartizione con la denominazione dell’istituto per il quale è erogato il contributo e l’importo dello stesso.

Lo scorso anno, due decreti, uno di luglio e uno di novembre, erano intervenuti a definire lo stanziamento agli istituti culturali per il 2017. Rispetto al 2017, sale il numero di istituti coinvolti (da 223 a 249) e risultano in flessione gli stanziamenti (-10%). Con gli atti infatti si era stabilito un totale di fondi erogati pari a circa 2 milioni e 500 mila euro.
Il piano di riparto dei contributi annuali per il 2018 è stato formulato il 27 giugno scorso dalla Commissione istituita presso la Direzione Generale Biblioteche e Istituti culturali del Mibac.

I CONTRIBUTI PER IL 2018

I contributi risultano suddivisi in base all’ammontare corrisposto. Ventidue istituti culturali ricevono 19.500 euro. Tra questi la Fondazione Museo Ebraico di Bologna, la Fondazione Bassani di Codigoro e l’Accademia Galileiana di scienze, lettere ed arti in Padova. A ricevere 13.500 euro sono invece quarantasei istituti culturali tra cui la Società filosofica italiana di Roma, l’Officina di studi medievali di Palermo e la Società internazionale di studi francescani di Assisi.

Ottantadue istituti ricevono 9.500 e tra questi l’Ateneo di Brescia – Accademia di scienze lettere ed arti, la Fondazione Orestiadi di Gibellina, la Casa di Dante di Roma e l’Accademia italiana della cucina di Milano. A sessantacinque istituti culturali vanno 5.800 euro. Tra essi, la Società di studi valdesi di Torre Pellice, il Centro di ricerche per la storia dell’alto Lazio di Viterbo e Musica ricercata di Firenze. Infine, trentaquattro istituti culturali ricevono 2.946,43 euro. Tra essi, il Centro di promozione culturale per il Cilento, la Società filarmonica di Trento e l’Istituto bibliografia musicale calabrese di Spilinga.

I CONTRIBUTI ANNUALI AGLI ISTITUTI CULTURALI

Il decreto è stato adottato in applicazione della legge n. 534/1996 in materia di norme per l’erogazione di contributi statali alle istituzioni culturali. Gli istituti culturali in esso elencati rispondono ai quattro requisiti individuati per la corresponsione di contributi annuali. Essi, infatti, svolgono la loro attività da almeno un triennio e prestano “rilevanti servizi in campo culturale”. Promuovono e svolgono “attività di ricerca, di organizzazione culturale e di produzione editoriale a carattere scientifico”. Basano, inoltre, la propria attività su un programma “almeno triennale” disponendo di attrezzature idonee alla sua realizzazione.

Per l’anno finanziario 2018, lo stanziamento di 12.521.174 euro doveva essere ripartito per 10.215.000 euro in contributi triennali e per 2.306.174 euro in contributi annuali.

Gli istituti oggetto del piano di ripartizione non ricevono i contributi ordinari statali e non risultano inseriti nella tabella triennale istituita con la legge del 1996. Il Ministero dei Beni culturali elabora la tabella dal 1997 “di concerto con il Ministro del tesoro, sentito il parere delle commissioni parlamentari competenti per materia e del competente comitato di settore del Consiglio nazionale per i beni culturali e ambientali”. Essa viene sottoposta a revisione triennale con le stesse modalità.

Vi rientrano le istituzioni culturali istituite con legge dello Stato o in possesso della personalità giuridica, senza fini di lucro e che promuovono e svolgono in modo continuativo “attività di ricerca e di elaborazione culturale documentata e fruibile, volta all’ampliamento delle conoscenze”. Esse devono disporre di un “rilevante patrimonio bibliografico, archivistico, museale, cinematografico, musicale, audiovisivo (…) pubblicamente fruibile in forma continuativa”. Devono inoltre basare la propria attività su un programma almeno triennale.

Approfondimenti

Riparto dei contributi annuali agli istituti culturali – 2018

Leggi anche:

Mibact, approvato il piano di ripartizione dei contributi annuali agli istituti culturali

Rispondi