Mibac Fondazioni Cultura Faro

Centodieci pubblicazioni e centotrentaquattro convegni ricevono i contributi erogati annualmente dalla Direzione Generale Biblioteche e Istituti culturali del Mibac. Il bando per l’anno 2018 era scaduto il 31 gennaio scorso. Valutate le domande pervenute, la Direzione Generale ha provveduto alla pubblicazione dei piani di ripartizione con avviso sul proprio sito.

L’avviso contiene i piani di ripartizione con l’indicazione della denominazione della pubblicazione e del convegno. Indicato anche il nome dell’istituto promotore e il contributo spettante. In totale, 218.552 euro vengono stanziati a favore delle pubblicazioni mentre 144.152 euro sono destinati ai convegni.

I contributi sono stati assegnati sulla base delle modalità e dei criteri indicati dalla circolare n.108/2012 del Mibac. Essa prevede che possano essere concessi contributi per convegni e pubblicazioni di rilevante interesse culturale promossi o organizzati da istituti, associazioni, fondazioni ed altri organismi senza scopo di lucro operanti sul territorio nazionale. Sono esclusi quelli promossi ed organizzati da enti statali, enti locali ed università. Le domande sono state valutate da un’apposita Commissione, nominata annualmente e composta dal direttore del Servizio patrimonio bibliografico ed istituti culturali della DG Biblioteche e Istituti culturali ed esperti del settore biblioteche, archivi, del settore musicale e della ricerca scientifica.

CONVEGNI AMMESSI A CONTRIBUTO

Il contributo più corposo è pari a 2 mila 400 euro e viene assegnato a sedici convegni. Tra questi “Verga e Catania” della Fondazione Verga, “I cristiani arabi” dell’Officina di studi medievali e il 60° Congresso nazionale “Che cos’è una biblioteca” dell’AIB Associazione Italiana Biblioteche.

Nella definizione dei piani, sono stati ammessi a contributo esclusivamente i convegni propriamente detti, così come stabilito dalla circolare ministeriale. Esclusi corsi di formazione, iniziative che riguardano esclusivamente la vita dell’ente proponente o di scarsa rilevanza culturale, presentazioni di volumi e manifestazioni con valenza informativa, divulgativa o celebrativa di prime.

PUBBLICAZIONI AMMESSE A CONTRIBUTO

A ricevere i contributi più ingenti, pari a 5 mila euro, sono le pubblicazioni “Inquisizione, frati minori e cittadini di Todi” della Società Internazionale di studi francescani, “Gianfranco Contini e Casa Einaudi” della Fondazione Ezio Franceschini e “L’iconografia del leone in Etruria” dell’Istituto Nazionale di Studi Etruschi ed Italici.

Nella definizione del contributo, sono state prese in considerazione solamente le pubblicazioni inedite di particolare rilevanza scientifica “che possono costituire un importante contributo ai fini della tutela e della valorizzazione del patrimonio culturale italiano”. Escluse, come stabilisce la circolare ministeriale, le opere di divulgazione, i cataloghi di mostre, gli atti di convegni o le opere di carattere enciclopedico non prese in considerazione.

Approfondimenti:

Link all’avviso

Piano di ripartizione – Convegni

Piano di ripartizione – Pubblicazioni

Leggi anche:

Convegni e pubblicazioni, scade il 31 gennaio il termine per la presentazione delle domande di contributo

Rispondi